A- A+
Geopolitica
Via della Seta? E' già a Berlino. Germania-Francia-Uk: gli affari con la Cina

EUROPA/CINA, GIA' 11 PAESI UE HANNO ADERITO ALLA BELT AND ROAD

Bulgaria, Croazia, Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia. Non è una filastrocca ma un elenco degli 11 paesi dell'Unione europea che già fanno parte della Belt and Road Initiative (Nuova Via della Seta). Un elenco al quale potrebbe presto aggiungersi anche Malta. Senza contare gli altri Stati dell'Europa orientale e balcanica che non sono all'interno dell'Ue e comunque coinvolti nel progetto cinese, dall'Albania alla Serbia, dalla Bosnia alla Moldova. E i big dell'Europa occidentale? Con la Cina fanno grandi affari, in primis la Germania, che con Pechino ha un interscambio commerciale oltre tre volte più grande di quello dell'Italia. Berlino è di fatto già il terminale terrestre della Nuova Via della Seta. Eppure in questi giorni la vicina adesione dell'Italia alla Belt and Road sta agitando sia i partner europei sia, soprattutto, gli Stati Uniti.

SPECIALE NUOVA VIA DELLA SETA

Via della Seta: mappa, investimenti, pro e contro. Tutto ciò che c'è da sapere

Via della Seta? In attesa di Trieste e Genova arriva già a Vado Ligure

Via della Seta, l'agenda della visita di Xi Jinping tra Roma e Palermo

Via della Seta, ecco il memorandum Italia-Cina che fa litigare il governo

Cina, Italia pronta ad aderire alla Nuova Via della Seta. Usa permettendo

Nuova Via della Seta, l'Italia tra il fuoco incrociato di Usa e Cina

Nuovo avvertimento Usa all'Italia: "Non firmate". Per Washington non è solo un accordo economico, ma una scelta di campo

Ecco perché la Cina vuole i porti italiani di Trieste e Genova

Usa vs Cina? Non è uno scontro commerciale, ma la nuova guerra fredda

IL PROFONDO RAPPORTO ECONOMICO TRA GERMANIA E CINA

La Germania è senza dubbio il paese con il rapporto commerciale più profondo con la Cina. Ci si lamenta spesso del fatto che l'Ue non sia in grado di interfacciarsi con il gigante asiatico in maniera compatta. Dalla Commissione Ue e dall'Europarlamento sono arrivati documenti e moniti in tal senso, ma la pratica, come spesso accade, è molto diversa. L'approccio bilaterale, che tanto fa comodo alla Cina (che in tal modo può far pesare al massimo le dimensioni del proprio immenso mercato), è stato adottato in merito per prima proprio da Berlino. L'interscambio fra Cina e Germania nel 2017 è stato di 179 miliardi di dollari. Una cifra monstre. L'economia tedesca è strettamente correlata a quella cinese. Non a caso il rallentamento della crescita di Pechino ha provocato, e provocherà, qualche scossone alla Germania. Angela Merkel, preoccupata dall'eccessiva dipendenza del suo export verso il Dragone, sta cercando di diversificare la sua politica economica orientale stringendo ed è protagonista di un avvicinamento al Giappone. 

DUISBURG TERMINALE TERRESTRE DELLA NUOVA VIA DELLA SETA

La presenza delle aziende tedesche in Cina è radicata da diversi anni, in particolare nel settore automobilistico. Nel 2018 Bmw ha assicurato 4,1 miliardi di dollari alla sua joint venture cinese di cui detiene la maggioranza, grazie alla nuova legge cinese che consente ai partner stranieri di controllare le loro affiliate locali. La Basf è invece diventata la prima industria manifatturiera di totale proprietà straniera nel settore chimico in Cina dopo l'apertura di un impianto da dieci miliardi di dollari nella provincia di Guangdong. Senza contare che la Germania, ideale terminale della rotta terrestre della Nuova Via della Seta, nel cuore dell'Europa continentale, ospita già sul proprio territorio il capolinea fisico del progetto cinese. Dal 2011 arrivano infatti a Duisburg migliaia di treni direttamente dalla Cina, l'80 per cento del totale di quelli diretti in Europa. Proprio qui il colosso immobiliare cinese Starhai sta costruendo un business center di 120 mila metri quadrati. Ed è sempre a Duisburg che Xi Jinping si è recato in visita nel 2014. 

LA COOPERAZIONE TEDESCA CON HUAWEI

Certo, Berlino non ha firmato l'adesione alla Belt and Road ma di fatto ospita il terminale dell'iniziativa sul suo territorio. La collaborazione con Pechino non si ferma qui. Il governo tedesco ha per ora resistito alle pressioni di Washington sul fronte delle telecomunicazioni, con la richiesta di escludere Huawei dai progetti di sviluppo del 5G. La Merkel sta invece lavorando per includere il colosso cinese pur garantendo gli standard di sicurezza, un po' come sta provando a fare anche l'Italia. Non solo. La città di Gelsenkirchen ha firmato nelle scorse settimane un memorandum di cooperazione con Huawei per lo sviluppo della smart city. Il ruolo di Huawei in Germania ha portato la Casa Bianca a minacciare "gravi conseguenze", senza dimenticare la possibilità dell'innalzamento dei dazi sulle automobili europee da parte degli Usa, misura che colpirebbe duramente proprio Berlino.

CINA-REGNO UNITO: 227 ACCORDI COMMERCIALI IN 10 ANNI

Molto sostanziosi anche gli affari tra Cina e Regno Unito, che in passato era il centro logistico e finanziario da cui Pechino curava i propri interessi commerciali in Europa. Ruolo che ora il Regno Unito sta perdendo a causa della Brexit. Non a caso tra i più arrabbiati per l'uscita di Londra dall'Ue (che la cronaca di questi giorni ci sta dicendo avvenire in maniera confusa e convulsa) figurano proprio i cinesi. Nel 2017 l'interscambio commerciale tra Londra e Pechino è stato circa la metà di quello tra Berlino e Pechino. Ma il Regno Unito è il paese che ha sottoscritto il maggior numero di accordi commerciali col partner asiatico, 227, nel decennio che va dal 2008 al 2018.

NUOVA VIA DELLA SETA, LE INTERVISTE DI AFFARI

Alessia Amighini (Ispi): "Via della Seta, con l'Italia Pechino mira all'Europa. E' un progetto politico. Il no Usa? In ritardo"

Arduino Paniccia: "Usa e Nato chiedono solo sacrifici, ma l'adesione alla Bri è un azzardo"

Cesare Romiti: "Sì all'accordo, entreremo in un mercato immenso"

Giuliano Noci (prorettore del polo territoriale cinese del Politecnico di Milano: "Sì all'accordo, vantaggi su export e joint venture"

Il sottosegretario M5s Fantinati: "Benefici per le imprese, nulla da temere per gli Usa"

Il sottosegretario Di Stefano (M5s): "Enorme opportunità per l'Italia"

Edward Luttwak: "L'Italia non firmi o pagherà grandi costi politici"

Il sottosegretario leghista Rixi: "Accordo con la Cina va fatto, gli Usa devono capire che non possiamo morire di fame"

CINA-FRANCIA: LA SFIDA IN AFRICA

E la Francia? Emmanuel Macron si è recato nei giorni scorsi nel Corno d'Africa tra Gibuti, Etiopia e Kenya in una missione esplicitamente volta a contrastare l'espansionismo cinese nell'area. E più volte anche da Parigi sono arrivati moniti sull'importanza dell'azione unitaria nei confronti del competitor cinese. Insieme alla Merkel, dopo il caso della mancata fusione Alstom-Siemens, il presidente francese sta studiando una possibile riforma delle regole antitrust europee per consentire la nascita di grandi conglomerati continentali in grado di competere con i colossi del Dragone.

CINA-FRANCIA: PROFONDI RAPPORTI COMMERCIALI, ANCHE SUL NUCLEARE

Ma nei fatti la collaborazione commerciale tra Parigi e Pechino è molto profonda. Nel 2017, l'interscambio commerciale ha raggiunto i 54,6 miliardi di dollari, il 15,4% in più rispetto a 2016. E nei primi mesi del 2018, secondo gli ultimi dati disponibili, è salito ancora, attestandosi a 45,62%, vale a dire una crescita del 15,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Nel gennaio 2018 Macron si è recato in Cina, dove ha siglato 20 accordi economici, commerciali e infrastrutturali. Tra i settori coinvolti l'aviazione, il commercio, la sanità, la cultura ma anche l'energia nucleare, con il coinvolgimento di big come Airbus e il portale di e-commerce cinese JD.com. Il tutto suggellato da promesse reciproche di maggiore apertura alle proprie aziende. 

CINA-ITALIA: UN RAPPORTO COMMERCIALE DA MIGLIORARE, CON BUONA PACE DELL'UE. NODO MEMORANDUM PERMETTENDO

E l'Italia? Con 42 miliardi di interscambio commerciale nel 2017 viene dopo gli altri big dell'Europa occidentale, molto dopo. Naturale che il governo, sulla scia dell'apertura effettuata già negli scorsi anni dai governi Renzi e Gentiloni, voglia migliorare lo scambio economico con un mercato così importante. Gli accordi che dovrebbero essere firmati durante la visita di Xi Jinping in Italia dovrebbero aiutare in tal senso. La differenza, rispetto ai principali partner europei che fanno parte del G7, è la firma del memorandum of understanding della Belt and Road. Alla luce di quanto accade già da tempo per esempio in Germania potrebbe sembrare una piccola discriminante formale, che però agli occhi degli Stati Uniti in modalità guerra fredda 2.0 è del tutto sostanziale. Se firma sarà, come tutto lascia intendere, sta all'Italia il fondamentale e a questo punto solitario (dunque ancor più complesso), compito di aprire la strada a un modellamento sui principi europei dell'iniziativa cinese. 

twitter11@LorenzoLamperti

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    via della setafranciagermaniaregno unitoitaliaeuropacinabelt and road
    in evidenza
    Ambra, lacrime in diretta "Ci si allontana da chi..."

    Dopo la rottura con Allegri

    Ambra, lacrime in diretta
    "Ci si allontana da chi..."

    i più visti
    in vetrina
    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche

    E-Distribuzione, il Paradiso Dantesco prende forma sulle cabine elettriche


    casa, immobiliare
    motori
    Ford: sempre più spazioso e versatile il nuovo Tourneo Connect

    Ford: sempre più spazioso e versatile il nuovo Tourneo Connect


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.