A- A+
Politica
Gian Paolo Gobbo

Il Carroccio veneto è ancora in subbuglio. La composizione delle liste non è proprio andata giù a una parte della Liga Veneta, quella più legata a Umberto Bossi e che si è sentita esclusa dal nuovo corso maroniano. C'è chi come Santino Bozza, consigliere regionale del veneto e fedelissimo del Senatùr, che addirittura voterà il Partito democratico il 24 febbraio. Non così Gianpaolo Gobbo, sindaco i Treviso e segretario regionale della Liga veneta prima dell'elezione di Flavio Tosi nel giugno del 2012, che giura fedeltà al partito.

Intervistato da Affaritaliani.it Gobbo, solitamente mite e misurato, questa volta non le manda a dire e punta il dito contro il sindaco di Verona, da tutti considerato l’artefice della composizione delle liste in Veneto: "Non è una questione di bossiani o maroniani - esordisce il primo cittadino -  il problema è che questa volta, al di là delle persone scelte, le liste sono state fatte con criteri diversi rispetto al passato. I segretari provinciali della Regione non sono stati interpellati".

Gobbo si rammarica soprattutto per l'esclusione di Gianpaolo Dozzo: "A lui era stata promessa la candidatura per la sua esperienza, anche perché  era il nostro capogruppo e ha traghettato il movimento in un momento particolarmente difficile. Poi invece non è stato candidato perché aveva già alle spalle troppi mandati. Regola però che non è valsa per candidati di Lombardia e Piemonte. Dozzo doveva essere la nostra guida e così non è stato”. Infine assolve Luca Zaia: "Lui fa il governatore. Doveva essere Tosi a interpellarlo visto che come lui conosce bene il territorio. Comunque - conclude il sindaco - lavoriamo per le elezioni. La partita in Lombardia è fondamentale".

Daniele Riosa

Tags:
ligavenetagobboelezioni

i più visti

casa, immobiliare
motori
Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica

Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.