A- A+
Politica

Tra ieri e oggi i Radicali pugliesi hanno presentato 11 'azioni popolari'(ricorsi in tribunali di cittadini elettori pugliesi) per fare dichiarare l'incompatibilita' di 11 consiglieri regionali, divenuti parlamentari, a partire dal presidente della regione Nichi Vendola. A darne notizia il presidente di Radicali Italiani Silvio Viale, che spiega: "dieci giorni fa, presentando l'azione popolare contro Roberto Cota, a proposito, devoti solo a San Tommaso, aspettiamo l'ufficializzazione delle sue annunciate dimissioni da deputato, avevamo dichiarato che non avremmo fatto sconti a nessuno e non ci saremmo limitati al solo Piemonte".

"Grazie al lavoro del nostro pool legale - prosegue Viale - siamo riusciti ad aprire il fronte pugliese, mettendo il presidente Vendola oltre a dieci consiglieri (6 del Pdl, 2 di Sel e 2 del Pd) di fronte alle proprie responsabilita'". "La legge e' chiarissima - concludono gli esponenti radicali - e risale al 1981, quando Cota andava ancora alle medie e Vendola all'universita'. Sia Cota che Vendola conoscevano e conoscono benissimo le regole del gioco. Sia Cota che Vendola avrebbero dovuto dimettersi entro 10 giorni dalla loro proclamazione alla Camera, avvenuta il 5 marzo scorso. Sia Cota che Vendola non lo hanno fatto".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
radicali vendola
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.