A- A+
Politica

Di Antonino D'Anna

Angelo Scola

All'ombra del Cupolone sono iniziati i primi contatti e le prime ipotesi in vista del Conclave, che si terrà a metà marzo dopo le clamorose dimissioni, ieri, di Benedetto XVI. Ed Affaritaliani può già riferire l'umore del mondo tradizionalista, che punta sull'Arcivescovo di New York Timothy Dolan oppure sul nostro Gianfranco Ravasi: due outsider sui quali disperdere voti diretti ad Angelo Scola, il cardinale arcivescovo di Milano e "affondarlo" nei primi giorni di Conclave. Non è tutto: voci non confermate parlano di due possibili dossier esplosivi pronti a scoppiare nei prossimi giorni. Si tratterebbe di uno scandalo finanziario ed uno a sfondo sessuale che potrebbero colpire prima o all'inizio del Conclave. Ma sono voci non confermate.

OK A DOLAN E RAVASI, BENE MORAGLIA - Nei piani dei tradizionalisti, aperti alla Fraternità San Pio X e desiderosi di dare un giro di vite alle aperture conciliari, Dolan e Ravasi - a patto che tengano una linea di continuità con Benedetto XVI, che ha autorizzato l'uso della Messa in latino nel 2007 col Motu Proprio "Summorum Pontificum". Spiegano ad Affari da Oltretevere: la previsione dei tradizionalisti sarebbe per uno scontro tra gli italiani nei primi giorni di Conclave, che porterebbe all'affondamento di Scola; per superare l'empasse che un Conclave azzoppato potrebbe trovarsi davanti, si pensa di guardare Oltreoceano. Eventualmente pensando ad un africano, un Papa nero. Non è tutto. Il mondo della Tradizione, dicono ad Affaritaliani, sarebbe spinto a considerare l'elezione del Patriarca di Venezia Francesco Moraglia (che però è un vescovo e non può partecipare al Conclave), oltre a monsignor Nicolas Jean René Brouwet, vescovo di Lourdes. Bene anche il cardinale Francis George, arcivescovo di Chicago e presidente dei vescovi americani, in prima linea per la riforma dell'Obamacare che consentiva aborto e anticoncezionali a spese dei datori di lavoro (incluse le istituzioni di stampo religioso) alle lavoratrici americane. Una lotta che ha visto la vittoria dei cattolici, visto che sarà apportato un correttivo. L'unico neo, osserviamo, è che gli americani sono stati fortemente azzoppati dallo scandalo pedofilia nel clero nel 2010 (prim'ancora nel 2002) e questo potrebbe pesare non poco sulle loro quotazioni.

LE VOCI SI INFITTISCONO - E adesso veniamo ad una voce che, verificata da Affari, sembrerebbe senza fondamento. Si parla da qualche ora di due potenziali dossier esplosivi che potrebbero influire sul Conclave. In concreto, viene riferito ad Affari (ripetiamo che si tratta solo di voci) che si parla di un presunto scandalo a sfondo finanziario ed uno su un presunto scandalo sessuale. A lanciare questi "siluri" sarebbero alcuni superstiti di Vatileaks, ma ripetiamo che questa voce non è confermata.

IL GRAZIE DEI LEFEBVRIANI A BENEDETTO XVI- PER FINIRE - Mentre inizia il conto alla rovescia verso il prossimo Conclave, anche i tradizionalisti della Fraternità San Pio X, i lefebvriani, esprimono il gradimento verso Joseph Ratzinger. Lo hanno fatto con un comunicato diffuso dalla DICI, la loro agenzia di Stampa, col quale, "Malgrado le divergenze dottrinali manifestate ancora in occasione dei colloqui teologici tenuti fra il 2009 e il 2011, la Fraternità San Pio X non dimentica che il Santo Padre ha avuto il coraggio di ricordare che la messa tradizionale non era mai stata abrogata, e di sopprimere gli effetti delle sanzioni canoniche portate contro i suoi vescovi, in seguito alle consacrazioni del 1988". Non è tutto: i lefebvriani non ignorano "l'opposizione che queste decisioni hanno suscitato, obbligando il Papa a giustificarsi davanti ai vescovi del mondo intero". Ed esprimo al Papa "gratitudine per la forza e costanza di cui ha fatto prova nei suoi confronti in circostanze così difficili e lo assicura delle sue preghiere per il tempo che desidera ormai consacrare al raccoglimento". Infine i lefebvriani riaffermano il loro "attaccamento alla Roma eterna, Madre e Maestra di Verità, e alla sede di Pietro. Essa ribadisce il suo desiderio di portare il proprio contributo, secondo le sue possibilità, a risolvere la grave crisi che scuote la Chiesa". E pregano "perché, sotto l'ispirazione dello Spirito Santo, i Cardinali del prossimo conclave eleggano il Papa che, secondo la volontà di Dio, opererà per la restaurazione di ogni cosa in Cristo (Ef. 1,10)".

 

Tags:
chiesaconclavescola

i più visti

casa, immobiliare
motori
Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica

Arriva in Italia nuova Kia Niro, silenziosa ed ecologica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.