A- A+
Politica

di Pietro Mancini

Chi, come l'ex Presidente dei senatori del Pd, Anna Finocchiaro, definisce "miserabile" un dirigente del suo partito, Matteo Renzi, votato alle primarie da un terzo degli iscritti, si dimostra "unfit to lead Italy", inadatta a guidare il nostro Paese.
Nell'attuale fase di grave crisi finanziaria e di scarsa credibilità delle istituzioni, i cittadini sono, giustamente, molto attenti all'immagine dei loro rappresentanti . E, dunque, i partiti devono selezionare, con trasparenza, le candidature per incarichi, molto prestigiosi, come la Presidenza della Repubblica.
Non possono pretendere gli applausi dei militanti, dei dirigenti e degli elettori dirigenti politici, come l'eterno ex craxiano Giuliano Amato, percettore di una "pensioncina" di 31 mila euro lordi al mese. E neppure nonno Franco Marini, trombato, 2 mesi fa, come senatore dagli elettori dell'Abruzzo.
Quanto a Finocchiaro, a consigliare l'inopportunità della sua candidatura non c'è solo la vicenda degli agenti della sua scorta, utilizzati per trascinar carrelloni, colmi di merce, comprata ad Ikea. Ma la ben più imbarazzante vicenda del rinvio a giudizio del marito di donna Anna, ginecologo di Catania, nell'ambito dell'inchiesta giudiziaria su un appalto, assegnato dalla Regione Sicilia, il cui allora governatore, don Raffaele Lombardo, era all'epoca sostenuto dal Pd, dopo aver travolto, alle elezioni del 2008, la sua avversaria del centrosinistra, proprio donna Anna Finocchiaro, inflessibile moralista...con gli antagonisti politici.

Tags:
commento ikea

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.