A- A+
Politica
alessio de giorgi

Alessio De Giorgi, direttore di Gay.it, rinuncia alla candidatura con la lista Monti. Sul suo sito è lo stesso De Giorgi a comunicare "la decisione sofferta di voler rinunciare alla candidatura al Senato nella lista unitaria 'Con Monti per l'Italia' in Toscana". "Una decisione, questa - attacca - presa non senza molte difficoltà di coscienza, vista la denigratoria campagna mediatica portata avanti in questi giorni ai miei danni soprattutto da Libero e da altri giornali ed emittenti".

L'inventore del Mamamia di Torre del Lago e direttore di Gay.it, dopo aver collaborato con Matteo Renzi durante la campagna delle primarie sui temi dei diritti civili, si era candidato nella lista civica del Professore. La sua discesa in campo aveva destato critiche da più parti dopo la pubblicazione su Dagospia di alcune foto che lo ritraevano in compagnia di una drag queen. "Sono foto personali, riguardano la mia sfera privata", si era difeso De Giorgi.

Il quotidiano Libero ha poi rincarato la dose rivelando che l'ex candidato montiano gestisce alcuni siti internet di "escort gay e incontri hot, in uno dei quali i ragazzi si offrono a pagamento". De Giorgi si difende dalle accuse e denuncia di essere stato "vittima di un tritacarne vero e proprio, che ha cercato ed è riuscito a scandagliare in profondità ogni mia attività imprenditoriale, con una intensità inaudita e non applicata a nessun altro candidato della prossima competizione elettorale".

Tutto questo con "il disegno" di "mettere in difficoltà il senatore Monti e la sua lista, tentando di mettere in evidenza presunte contraddizioni, in base ad un non meglio specificato senso comune, sia all'interno della lista Scelta Civica sia all'interno della coalizione, attuata forse per coprire mediaticamente ben altre contraddizioni in liste vicine ai giornali che hanno portato avanti questa campagna". Il direttore di Gay.it che ribatte punto su punto agli attacchi che ci sono stati nei suoi confronti fa sapere comunque che continuerà a sentirsi "impegnato nella campagna elettorale delle liste che fanno riferimento al senatore Monti".

IL VATICANO - Dietro al passo indietro di De Giorgi sembrerebbe esserci un diktat del Vaticano. Il partito di Monti, che annovera tra i suoi ranghi personalità vicinissime alla Santa Sede come Riccardi, la Binetti ed Olivero, avrebbe 'suggerito' alla montezemoliana Irene Tinagli (amica di De Giorgi), e ad Andra Romano di convincere il direttore di Gay.it a farsi da parte. Altro che 'tritacarne mediatico'

Tags:
monti

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”

Alfa Romeo: Räikkönen certifica la “Giulia GTA”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.