A- A+
Politica
MONTEZEMOLO

Giuliano Amato? Ha una pensione di 31mila euro al mese. Emma Bonino? E' una radicale che non piace ai cattolici. Massimo D'Alema? E' stato rottamato da Renzi. Anna Finocchiaro? Ha il vizio della spesa all'Ikea (rottamata anche lei). Franco Marini? Rottamato da Renzi. Romano Prodi? Silvio non lo vuole. Stefano Rodotà? Non piace Oltretevere. Paola Severino? Non piace al Cavaliere. Luciano Violante? E' odiato dalle toghe rosse. Gustavo Zagrebelsky? E' considerato giustizialista. Per ognuno dei candidati oggi in odore di Colle c'è un problema, un fatto ostativo, un impedimento.

E quindi, la politica cerca disperatamente una via d'uscita. Tanto che qualcuno comincia a vociferare di una proposta che parrebbe incredibile, a prima vista, ma che invece potrebbe essere più che plausibile: Luca Cordero di Montezemolo al Colle, al posto di Napolitano. Certo, qualcuno potrebbe storcere il naso, ma in fondo, Montezemolo piace a sinistra per i rapporti ricchi di anni di collaborazione con il Pci e i suoi eredi. Rappresenta l'imprenditoria vincente, e quindi potrebbe strizzare l'occhio a Berlusconi. Con la Ferrari vincente di qualche anno fa, ha acquisito grande credito presso gli italiani (e se torna a vincere - Cina docet - è anche meglio). In più, in Europa e nel mondo, è decisamente ben visto, per i rapporti che ha stretto nel tempo. Insomma, sarebbe un outsider, Luca Cordero. Ma con un grande standing.

Tags:
impasse montezemolo
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.