A- A+
Politica

Di Emanuele Fiano

 

emanuele fiano

Leggo che Casini incomincia a dettare le sue condizioni a Bersani, ok lo riscrivo così sono più sicuro, Pierferdinando Casini @pierferdinando per gli amici, nonsegretario di un partito che viene valutato intorno al 5,5 %, da solo, che sceglierà i suoi candidati seduto a un tavolino del centro di Roma, e che poi dovrà sottoporre i suoi candidati al vaglio di un consulente di Monti, Dott. Bondi che fino ad adesso si è occupato di aziende, vuole dettare le condizioni del futuro governo, prima delle elezioni, a Pierluigi Bersani, scelto come candidato Premier da circa 3 Milioni di persone partecipanti alle primarie ( cioè un milione di persone in più del totale degli elettori dell'Udc) e leader di un Partito, il primo partito italiano, che ha poi sottoposto al vaglio delle primarie i suoi candidati parlamentari, con un altro milione di persone partecipanti alle votazioni. E le condizioni sono che Bersani non può fare il Premier, a meno che non vinca anche al Senato.

Cioè Monti, che è dov'è, perchè noi del PD lo abbiamo sostenuto per 13 mesi contro tutti i veti del Pdl, che non si sottoporrà al giudizio personale degli elettori, perchè nominato Senatore a vita dal Presidente Napolitano, proprio per assumere quella caratteristica super partes che serviva in quel momento per salvare il paese e formare un governo di coalizione nazionale, sale in campo come dice lui, e fa dire al suo principale alleato politico, Casini, che sul principale partito italiano e suo principale difensore in questi mesi di governo, c'è un veto assoluto. Se ne traggono due semplici conclusioni: primo, bisogna far vincere assolutamente la coalizione del PD anche al Senato, e in questo la vittoria in Lombardia è essenziale, decisiva. Secondo, le primarie, a suo tempo elogiate in aula da Casini come straordinaria certificazione democratica per Bersani, vanno bene in casa d'altri, tra i moderati, i centristi e i consulenti, vanno molto "le solitarie", si decide tutto da soli, in casa propria, "a prescindere" come avrebbe detto Totò, a prescindere dalla collaborazione democratica durata un anno, a prescindere, dai risultati elettorali che ancora devono venire, a prescindere dalla Democrazia, quella vera, quella dei numeri.

Tags:
casinipdcondizioni

i più visti

casa, immobiliare
motori
Al Lingotto apre  “FIATCafé500”

Al Lingotto apre  “FIATCafé500”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.