A- A+
Politica

Un decreto che sposta risorse a scapito di altri settori, un "gioco dell'oca su Pompei", un pugno di mosche per i 500 giovani e il solito barcamenarsi tutt'altro che risolutivo sono i limiti del decreto legge dello scorso agosto per il rilancio dei beni culturali.

Questa la dura presa di posizione del prof Roberto Cecchi, pubblicata oggi sul sito di Italia Futura. Il testo sottolinea come con gli intereventi decisi non si vada oltre l'intento di una buona volontà ma si resti lontanissimi dall'affrontare e risolvere i problemi veri: da quello degli incentivi pubblici "che - assolutamente indispensabili - deve essere razionalizzato e reso credibile" a quello ormai critico di Pompei dove "è l'impianto nel suo complesso che non convince. Un catafalco barocco, con troppi rimandi, troppo pesante e solo apparentemente concepito per creare una struttura autonoma."

Inoltre - prosegue il Prof. Cecchi -  il punto debole dell'intero decreto è "soprattutto, il criterio per cui il riassetto di un settore non può avvenire a scapito di altri. Più deboli e più indifesi. "

Inoltre "quel che non convince per nulla sono i "500 giovani per la cultura" . Si stanziano 2,5 milioni di euro per proseguire le attività di digitalizzazione del patrimonio culturale. Senza accorgersi che 2,5 milioni diviso 500 fa la bella cifra di 5.000 euro l'anno, che poi, tolte le tasse, al mese fanno ...."un pugno di mosche".

L'ex sottosegretario conclude "Il Paese si aspetta che vengano trovate delle soluzioni. Ma soprattutto che si dica davvero le cose come stanno. A quei "fortunati" 500 giovani bisogna dire con chiarezza che non è attraverso quei fondi che avranno un futuro per il lavoro. È anche una questione di dignità. Dopo la brutale disoccupazione che li attanaglia, non li possiamo trattare così".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
italia futuradecreto cultura
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.