A- A+
Politica
Jeans, film stranieri, slang vietati. Nuova legge, si rischia la pena di morte
Corea del Nord lapresse

Slang, jeans e film stranieri. Sono questi i 'nemici' della Corea del Nord secondo il suo leader Kim Jong-un. Per combatterli, Pyongyang ha introdotto una nuova legge radicale volta a eliminare qualsiasi tipo di influenza straniera, punendo severamente chiunque venga sorpreso con film, vestiti o persino a esprimersi con un linguaggio straniero, tutti elementi bollati dal leader come "pensiero reazionario". Per i trasgressori le pene sono severe: chiunque sia trovato in possesso di grandi quantità di media dalla Corea del Sud, dagli Stati Uniti o dal Giappone ora rischia la pena di morte. Mentre chi viene sorpreso a guardare contenuti di questo genere, rischia 15 anni di campo di prigionia.

In una lettera sui media statali Kim Jong-un ha chiesto alla Lega della gioventù del Paese di reprimere "comportamenti sgradevoli, individualisti e antisocialisti" tra i giovani, dichiarando guerra al linguaggio straniero, alle acconciature e ai vestiti, definiti dal 37enne "veleni pericolosi". Secondo gli analisti, la mossa nasconde quello che è il vero obiettivo: tentare di impedire che informazioni provenienti dall'esterno raggiungano la popolazione, mentre la vita nel Paese diventa sempre più difficile. Stando a quanto pubblicato da Daily NK, sito di notizie con sede a Seul ma con fonti in Corea del Nord, tre adolescenti sono stati spediti in un campo di rieducazione per essersi tagliati i capelli come gli idoli del K-pop sudcoreano e avere risvoltato i pantaloni sopra le caviglie.

La pubblicazione online è stata la prima a entrare in possesso di una copia della nuova norma: "Stabilisce che se viene scoperto un lavoratore, il capo dello stabilimento può essere punito e se un bambino risulta problematico, anche i genitori possono essere puniti. Il sistema di monitoraggio reciproco incoraggiato dal regime nordcoreano si riflette in modo aggressivo in questa legge", ha spiegato il direttore Lee Sang Yong alla Bbc. Lo scopo, ha aggiunto, è "infrangere" i sogni o il fascino che Seul possa esercitare sulla generazione più giovane. "In altre parole, il regime è arrivato alla conclusione - ha evidenziato - che si potrebbe formare un senso di resistenza se venissero introdotte culture da altri paesi".

Commenti
    Tags:
    slang film stranieri vietatijeans vietati
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Miriam Leone si copre con una foglia. Ilary Blasi... Le FOTO delle vip

    Miriam Leone si copre con una foglia. Ilary Blasi... Le FOTO delle vip


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

    Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.