A- A+
Politica

Gia' il teatro prescelto, il Capranica in pieno centro a Roma, e' ben lungi dall'assomigliare alle location a cui Silvio Berlusconi ha abituato elettori, simpatizzanti e giornalisti in tutti questi anni. Se si aggiunge la scenografia low profile, con un unico grande schermo, niente bandiere, e un solo cartellone con il simbolo del partito alle spalle del podio, il quadro e' completo: campagna elettorale a basso costo incentrata soprattutto sul 'porta a porta'.

Del resto, lo stesso Cavaliere in varie interviste ha spiegato che non saranno spesi soldi in manifesti, i comizi in piazza sono stati bocciati per problemi di sicurezza, e i cordoni della borsa di via dell'Umilta' e palazzo Grazioli sono stati tirati da tempo.

Parte oggi ufficialmente la campagna elettorale del Pdl, con Berlusconi e Alfano che dal podio esortano i candidati - quelli 'nuovi' e giovani tutti schierati in prima fila, piu' indietro i gia' 'navigati' - a rimboccarsi le maniche per compiere quel "miracolo" che il Cavaliere ritiene possibile. Ma non e' solo la campagna elettorale del Pdl ad essere un po' sottotono. Lo stesso Berlusconi, fatta eccezione per i primi minuti, non nasconde la stanchezza (prima di concludere la kermesse viene colto da un lieve malore, peraltro smentito da Palazzo Grazioli), si concede poche battute, lascia spazio al segretario Alfano che scalda la platea, e chiude la kermesse con un lungo, lunghissimo discorso di oltre un'ora elencando punto per punto il programma elettorale, senza dimenticare un minuzioso report sui 'fatti' del novembre 2011 sfociati nelle sue dimissioni da premier.

Per il resto, fanno da contorno l'inno d'Italia, l'inno delle regionali del 2000 'Azzurra liberta'', un video sui successi berlusconiani - sia in politica che nel mondo delle televisioni commerciali che in campo sportivo con le vittorie del Milan - per finire con una sorta di trailer stile film di paura dove scorrono le immagini di Monti, Fini e Casini, il "trio sciagura".

Tra l'intervento di Berlusconi e quello di Alfano e poi nuovamente del Cavaliere, sale sul palco Maurizio Lupi. A lui e' affidato il compito di 'istruire' i candidati. A ciascuno di loro, come promesso, viene consegnato un kit (niente gadget), in cui si spiega per filo e per segno cosa fare e, soprattutto, cosa dire ai talk show politici per convincere in primis i delusi e gli indecisi. E dopo i 'Volontari della liberta' ora e' il turno dei 'Team della rimonta'. Infatti, secondo lo schema di una vera e propria lezione, Lupi mostra ai candidati lo 'schema piramidale' del partito, a cui ognuno di loro puo' e deve fare riferimento: "Ogni eletto, quadro, candidato seleziona un team di 10 sostenitori. Avremo cosi' 27mila 'Team della rimonta' e 270mila giocatori".

Compito di ogni Team sara' quello di "contattare almeno 300 elettori indecisi o ex votanti del centrodestra, portare loro materiale elettorale, raccogliere domande, perplessita' e obiezioni e rispondere alle obiezioni". Lupi esorta tutti a darsi da fare: "dovete convincere almeno 10 persone a testa, parlare con un amico al mercato, andare a bussare porta a porta e relazionarvi con internet, il sito forzasilvio.it e i social network". "Qui ci sono dei nuovi guerrieri che insieme ai vecchi saranno all'altezza di combattere le battaglie che abbiamo davanti. Noi vogliamo essere la maggioranza", ha aperto la convention Berlusconi, che partecipera' alle iniziative che si svolgeranno una in ogni regione.

Tags:
lupipdlcampagna elettoraleberlusconikit

i più visti

casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.