A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
@Tommaso5mani

Massimiliano Fanni Canelles      Massimiliano Fanni Canelles

Medico chirurgo, attivo nel volontariato, dirigente in Friuli Venezia Giulia di Italia Futura, il movimento di Luca Cordero di Montezemolo. Massimiliano Fanni Canelles è molto conosciuto in Regione per il suo impegno verso i bisognosi. Un 'pezzo della società civile' direbbe il premier Monti. Un uomo che ha passato gli ultimi due anni a costruire sul territorio la struttura di If, basata sugli ideali di rinnovamento e meritocrazia. Un lavoro si successo e proprio per questo era stato inserito come primo candidato nel partito di Monti alla Camera. La lista dei non politici. Poi la telefonata: "Ci dispiace, ma al tuo posto ci mettiamo uno dell'Udc'.

La storia di Canelles ha dell'incredibile e getta un'ombra scura sul movimento del Professore, estraneo, a parole, alla vecchia politica politicante. Ma facciamo un passo indietro. "Ho conosciuto Montezemolo per via di mia figlia, che è disabile", spiega Canelles ad Affaritaliani.it. "Luca fa parte di Telethon come anche l'associazione che presiedo, Progetto Mielina. Entrammo in contatto quando io mi ribellai all'inserimento dell'ex ministro della Sanità Francesco De Lorenzo nell'osservatorio nazionale del volontariato. Luca lesse la mia lettera e mi contattò". Il patron della Ferrari gli chiede di aprire un circolo di Italia Futura in Friuli e così inizia l'avventura di Canelles che in breve tempo raccoglie centinaia di adesioni e intercetta la voglia di rinnovamento di tutte le realtà della società civile che fino a quel momento non avevano un punto di riferimento.

A novembre del 2012 l'associazione di Montezemolo confluisce nel nascente movimento di Monti e con l'anno nuovo viene presentata una lista unica al Senato e tre liste alla Camera: una per l'Udc, una per Fli e infine una per Monti. Una lista nella quale non ci sono né politici, né persone con un passato opaco o con pendenze legali. In Friuli vengono fatte le primarie interne e Canelles viene eletto per plebiscito. Di diritto gli spetta il primo posto in lista. Tutto a posto, tutto regolare. "Fino a quando venerdì non ricevo una chiamata da Roma: 'Ci dispiace, ma capolista ci mettiamo uno dell'Udc, Gian Luigi Gigli. Tu scali al secondo posto'". Un'altra persona si sarebbe accontentata di essere eletta così, ma non Canelles, che si indigna: "La Lista Monti non doveva avere politici al suo interno. Invece hanno paracadutato un dirigente dell'Udc. Io non ho accettato questo gioco e me ne sono andato". In segno di protesta il medico e tutto il coordinamento regionale di If rassegna le dimissioni ed esce dalla lista. La notizia passa di bocca in bocca e anche le altre liste civiche mollano, compresa quella di Riccardo Illy, ex governatore della Regione ed ex sindaco di Trieste.

Ma chi è Gian Luigi Gigli? Neurologo dell'ospedale di Udine, qualche anno fa, quando il caso di Eluana Englaro scosse il Parlamento, guidò il fronte anti-eutanasia. Dirigente nazionale dell'Udc, è stato fino a pochi giorni fa presidente del partito in regione. Poi le dimissioni per iscriversi a If. Ma perché una persona del genere è stata inserita nel listino Monti? Sembra che i sondaggi in mano all'Udc non fossero lusinghieri: lo zero o poco più. Questo significava nessun deputato o senatore eletto in Friuli. Così la bella idea: inserire qualcuno nel listino di Monti, cresciuto grazie al lavoro e all'integrità della società civile. I giornali locali ricamano sulle motivazioni di questa imposizione. "Alcuni parlano di una telefonata diretta di Bagnasco", afferma Canelles. "Io di questo non ho alcuna prova. Certo Monti e Montezemolo hanno permesso che avvenisse, senza darci nessuna spiegazione".
 

Tags:
massimilianofanni canellesgian luigi giglifriuli venezia giuliaeluana englaromario montimontezemoloelezioni

i più visti

casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.