A- A+
Politica
Lega/ Salvini è il braccio, Giorgetti è la mente. L'analisi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Che Matteo Salvini sia un abile comunicatore e un volto mediatico di successo non ci sono dubbi. Il segretario leghista sa scegliere le parole, sia in tv sia su Facebook. Sa parlare alla pancia della gente. Usa la parola ruspa per i rom, razzismo contro gli italiani per fermare i clandestini e si spinge fino al 'vaffa' contro Renzi e la Fornero. Un vero goleador, come disse Berlusconi mesi fa. Non a caso ha portato il Carroccio dal 3 al 15%. Ma dietro il volto di Salvini c'è chi lavora in silenzio e senza apparire mai su giornali e tv.

Giancarlo Giorgetti, ex presidente della Commissione Bilancio della Camera ed ex delfino di Umberto Bossi (l'unico autorizzato dalla famiglia a fargli visita nella clinica svizzera ai tempi della malattia), ha lavorato negli ultimi mesi per riportare la Lega insieme a Silvio Berlusconi. Dietro le quinte, Giorgetti ha tessuto la tela delle alleanze dialogando con Deborah Bergamini, Mariarosaria Rossi, Giovanni Toti e Paolo Romani. Ovvero i fedelissimi di Silvio. Mentre Salvini attaccava Forza Italia un giorno sì e l'altro pure, la mente del Carroccio poneva le basi per l'intesa sulle Regionali (e non solo).

E così si è arrivati alla blindatura di Zaia in Veneto e alla sofferta rinuncia di Rixi in Liguria (per far spazio al forzista Toti). Il caso Puglia è emblematico. Berlusconi lancia sabato Adriana Poli Bortone e la prima risposta di NoiConSalvini, per bocca del senatore Raffaele Volpi, è negativa. Non va bene. L'ex Cav non gradisce affatto e chiede al Carroccio di rettificare. Salvini non si esprime, poi domenica esce un comunicato firmato Volpi e (non accade mai) Giorgetti che dà l'ok alla candidatura dell'ex sindaco di Lecce. Stavolta il Gianca (come lo chiamano in Via Bellerio) è dovuto intervenire in prima persona e ha messo la firma sulla nota alle agenzie proprio per garantire gli azzurri.

Dopo aver spinto per mettere fuori dal Carroccio Flavio Tosi, Giorgetti detta la linea: nessuna alleanza con Fitto (che invece sperava in Salvini per detronizzare Berlusconi) e ritorno con l'ex Cav. Realpolitik e pragmatismo sono alla base della strategia della mente leghista, unico capace di far cambiare idea a Salvini (cosa impossibile ormai per Bossi, Calderoli e Maroni). I pasdaran del segretario - da Centinaio a Tony Iwobi, da Fedriga ai giovani del MGP - sognano una Lega davvero lepenista e sola contro tutti.

Ma proprio la Francia, visti i dati delle ultime Amministrative, insegna che senza un accordo con i cosiddetti moderati non si può battere il Centrosinistra. E tra l'avventura di seguire Fitto e la sue battaglie in Fi e la garanzia del potere, in declino ma ancora considerevole, dell'ex premier, Giorgetti ha scelto la seconda strada, stoppando gli ultrà salviniani e convincendo lo stesso Salvini a scendere a compromessi ancora una volta con l'uomo di Arcore. Solo la storia e il tempo diranno se è stata una scelta azzeccata, i primi responsi il 31 maggio a tarda sera.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lega giorgetti salvini analisi
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.