Fondatore e direttore
Angelo Maria Perrino

La ministra Lorenzin e la pertosse

Di Giuseppe Vatinno
lorenzin

 


La ministra  Beatrice Lorenzin ha un ruolo importante: e cioè quello di vegliare, metaforicamente, sulla salute degli italiani; un ruolo delicato, e che richiede sobrietà, intelligenza, umiltà, coscienza e conoscenza.
Vi sono certi ministeri, diciamo certi ruoli, che, nonostante l'evidente degrado che ha sommerso le nostre istituzioni, necessitano di una virtù che una volta si chiamava competenza; la ministra Lorenzin non è laureata e questo ormai non è più un problema, c'è internet, c'è wikipedia etc etc; tuttavia, vi sono professioni, il medico e l'ingegnere edile, ad esempio, che necessitano di una preparazione specifica ed infatti sono professioni che necessitano di lunghi e approfonditi studi.
La Lorenzin,  a parte i tagli di cui si accorgono i cittadini quando il loro medico non gli prescrive più neppure pagando il ticket esami una volta di routine, è recentemente salita alle cronache per i complimenti fatti per la tempestività al San Camillo di Roma dopo un rogo che però ha carbonizzato un paziente:
http://roma.fanpage.it/incendio-all-ospedale-san-camillo-lorenzin-procedure-rispettate/
Non è evidentemente un periodo fortunato per la Ministra se qualche giorno dopo, nello stesso nosocomio, gliene capita un'altra e cioè un paziente cerca di violentare un'altra paziente:
http://roma.repubblica.it/cronaca/2016/05/07/news/roma_san_camillo_si_infila_nel_letto_di_una_paziente_e_la_violenta-139279005/
Inoltre, la Ministra della Salute è proprio sfortunata: con lei, per la prima volta nella storia, cala l'aspettativa di vita media degli italiani:
http://www.repubblica.it/salute/medicina/2016/04/26/news/piu_anziani_ma_vivremo_di_meno_ecco_il_check-up_degli_italiani-138487149/
La Lorenzin nasce nel 1971 nel fertile (politicamente) litorale romano, zona Ostia - Acilia da un padre profugo istriano e da madre fiorentina;inizia nel 1996  la sua carriera con Forza Italia e nel 1999 è già coordinatore dei giovani di Forza Italia nel Lazio.
Nel 2001 è consigliere al Comune di Roma dove conosce il Sindaco Rutelli.
Dal 2004 al 2006 il salto ministeriale: è capo segreteria tecnica del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Bonaiuti (il marito è Alessandro Picardi capo di TvSat)
scalando via via il "monte del potere" per giungere in Parlamento nel 2008 e alla cattedra ministeriale  con il governo Letta nel 2013; riconfermata da Renzi nel febbraio 2014.
All'inizio di questo anno bazzica ambienti rutelliani in quel di Ostia con "Prossima Roma", http://www.affaritaliani.it/blog/palazzo-meraviglie/rutelli-mi-si-nota-di-piu--se-mi-candido-o-se-non-mi-candido-403230.html
La Lorenzin è infatti, tecnicamente, nella tassonomica zoologica politica, una "Ostia boys" e cioè quel gruppetto di giovani rampanti che dai lidi del Municipio sciolto per mafia ha spiccato il volo verso le lusinghe  e le mollezze della capitale.
Un altro noto "Ostia Boys" è, ad esempio, Alessandro Onorato
http://www.affaritaliani.it/roma/alessandro-onorato-ecco-chi-il-delfino-di-marchini-416669.html
noto più per le scazzottate che per le strategie politiche.
http://www.affaritaliani.it/politica/pugile-campidoglio-421090.html.
L'ultima, curiosamente, avvenuta proprio con il fratello della Lorenzin, pare per una questione di bassa politica e cioè la spartizione dei Presidenti di Municipio per le prossime comunali:
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/10/14/latina-il-fratello-del-ministro-lorenzin-e-lamicizia-con-altomare-arrestato-per-estorsione-con-il-clan-di-silvio/2126003/
Ma lasciamo la famiglia e torniamo alla Ministra (che a Roma, dopo l'infatuazione per Rutelli ha pragmaticamente virato sul prode "Arfio" con una sua lista di supporto).
Stamattina, in studio con Gennaro Migliore, sottosegretario alla Giustizia e laureato in Fisica, la Lorenzin si stava sperticando (giustamente) sulla correttezza del metodo scientifico quando il suo piede ha calpestato una bella buccia di banana e sovrastando la voce di Gerardo Greco che tentava invano di interrompere il lunghissimo monologo, chiosava, rossa in viso, infervorata come un Savonarola che,  se hai la sfortuna di beccarti la pertosse sono cavoli perché non c'è cura, devi fidarti solo del tuo sistema immunitario.
Ora, non è che uno deve essere uno scienziato per sapere che la pertosse è causata da un batterio e che si può quindi curare con gli antibiotici (http://www.angelini.it/wps/wcm/connect/it/Home/Patologie-e-cure/La-cura-del-bambino/Patologie/Pertosse/) tuttavia, da un Ministro della Salute questa accortezza, anche nella sgangherata Italia del  primo Terzo millennio, ce lo aspetteremmo.
Una volta, ai tempi della tanto vituperata Prima Repubblica, una gaffe (foriera anche di pericolose suggestioni, visto il contesto pubblico) di questo tipo avrebbe condotto il ministro di turno alle dimissioni il giorno dopo; bastava allora che Andreotti lo guardasse negli occhi con un po' di mimica facciale.
Il sistema sanitario italiano ha anche grandi eccellenze ma necessita di competenza per valorizzare le tante competenze che vi giacciono come gemme nascoste.
Ora Andreotti non c'è più ma c'è Renzi a cui la  mimica non manca, ma sarà una volta tanto rivolta al Ministro?

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
Advertisement

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it