Il premier avvisò Marrazzo del video hard...

Lunedì, 26 ottobre 2009 - 09:00:00


"Io preferisco le donne". Così Umberto Bossi ha commentato la vicenda che vede al centro il presidente della Regione Lazio, Piero Marrazzo. Alla domanda se Marrazzo debba dimettersi, il ministro delle Riforme ha replicato: "Dipende da lui se riesce a sopportare tutto questo e nello stesso tempo fare il politico. Questi, però - ha concluso Bossi - sono problemi familiari"

video marrazzo

Su YouTube spopola il falso video di Marrazzo. Guardalo

Marazzo: "Adesso voglio solo sparire... a lun­go"

Marrazzo, la cocaina, il trans e il filmato

Caso Marrazzo/ Il Presidente della regione si autosospende. Si va verso le primarie

PARLA IL TRANS: "Piero lo conosciamo tutte da anni. Gli dicevo di stare attento. Quando passa Marrazzo, i trans si tirano su le tette: sanno che paga bene"

Marrazzo/ Maresciallo a gip: non so se fosse lui in video

Marrazzo: in video anche esterni, auto di servizio con targa

.............................

Caso Lazio/ Perché Marrazzo non ha denunciato nessuno?

'Vicenda surreale': le dichiarazioni del governatore del Lazio Marazzo. Guarda il video

Franco Grillini ad Affaritaliani.it: trans, un tabù da superare

Silvio Berlusconi lo aveva avvertito. Il Governatore "sospeso" Piero Marrazzo venne avvisato del ricatto. Ossia che quattro carabinieri della sezione Trionfale di Roma avevano confezionato un video compromettente. Girato ai primi di luglio in via Gradoli. Ad avvisare Marrazzo fu lo stesso primo ministro. Ad un settimanale del suo gruppo editoriale, "Chi", i ricattatori avevano infatti offerto l'intero pacchetto. E a quel punto, il direttore del periodico informò il presidente del Consiglio. Il Cavaliere si dichiarò contrario alla pubblicazione dell'intera vicenda. E nell'avvertire Marrazzo diede garanzie sul comportamento dei media di sua proprietà. In particolare di quelli riferibili alla Mondadori.

Una versione che lo stesso Cavaliere ha confermato ai suoi fedelissimi precisando di non essere intervenuto nella vicenda e di aver anche indicato agli "ambasciatori" del Governatore chi aveva proposto l'acquisto del video. Nella sostanza aveva suggerito di contattare i detentori del filmato per provare a ritirarlo dal mercato. Anche se, chi è stato coinvolto nell'inchiesta, non esclude che le garanzie fossero state basate proprio sulla avvenuta acquisizione e sulla messa in sicurezza del filmato. La circostanza, comunque, smentisce un'altra delle dichiarazioni del governatore che aveva sostenuto di non aver saputo nulla di quanto lo stesse per travolgere fino al 21 ottobre scorso.

Intanto il procuratore capo di Roma apre un ventaglio di accertamenti. Soldi, droga e auto blu. Si dovrà stabilire se c'è stato un uso improprio della vettura di servizio. Gli inquirenti vogliono verificare se si tratta di un montaggio o se davvero - come sembrerebbe dal filmato - Marrazzo andava a casa del trans, in cima alla Cassia, con l'auto di servizio. Soltanto dopo la verifica il procuratore Ferrara deciderà se aprire un'inchiesta. Si faranno inoltre accertamenti patrimoniali e bancari.

Chi portò la coca? Una serie di verifiche parte oggi anche sul fronte dell'indagine contro i quattro carabinieri arrestati con l'accusa di aver ricattato il Governatore per il video hard. Confermando la custodia cautelare, il gip Sante Spinaci, risponde che la droga è stata portata dai carabinieri.

COSI' SIGNORINI -  "Non è assolutamente vero che Silvio Berlusconi abbia impedito la pubblicazione delle foto dello scandalo Marrazzo sul settimanale Chi, in quanto io avevo già autonomamente deciso di non pubblicarle": lo ha detto a Sky Tg24 Mattina il direttore di Chi Alfonso Signorini a proposito del video che sarebbe stato usato per ricattare il presidente della regione Lazio Piero Marrazzo. "Le foto mi sono state offerte dall'agenzia fotografica Masi alla modica cifra di 200 mila euro trattabili e non appena ho visto le immagini - ha spiegato - ho ritenuto che non fosse assolutamente il caso di renderle pubbliche, nè di acquistarle. Mi ero già comportato in modo analogo quando sulla mia scrivania ero finite le foto di Silvio Sircana". "o avvertito i vertici della mia azienda, il presidente Marina Berlusconi e l'Ad Maurizio Costa e anche loro - ha raccontato Signorini - hanno concordato con me sulla non pubblicabilità delle immagini. Credo proprio sia vero che Berlusconi abbia contattato Marrazzo, ma non sono stato io ad avvertire Berlusconi".

MARRAZZO VIGNETTA
(www.marcomengoli.it)

Eppure la Procura disporrà un approfondimento d'indagine. In base ad una intercettazione telefonica in cui i carabinieri arrestati dicono a chiare lettere: "con quel video faremo i soldi". Il gip nell'ordinanza ha raccolto integralmente i motivi del pm accusando dunque i militari "di aver fatto il video con un cellulare per incastrare il presidente, di avere introdotto nell'appartamento del transessuale Natalì la cocaina con un piano premeditato finalizzato al ricatto". E, dunque, di avere estorto a Marrazzo "tre assegni del valore complessivo di 20 milioni". E ancora di aver rapinato il Governatore "di duemila euro in contanti e di averne sottratti tremila al transessuale". Si chiama motivazione per relationem, connessa al provvedimento secco di custodia contro Luciano Simeone e Carlo Tagliente, che avrebbero fatto l'irruzione nella casa di via Gradoli e girato il video compromettente. Contro il maresciallo Nicola Testini, contro Antonio Tamburrino, accusato di averlo ricettato, il giudice ha sostanzialmente incollato il decreto con il quale il pubblico ministero ha chiesto gli arresti.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA