A- A+
Politica
Mattarella rovina i piani di Renzi. Veti incrociati sul dopo-Lupi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Si allungano i tempi per la scelta del nuovo ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. Matteo Renzi, nel giorno delle dimissioni di Maurizio Lupi, aveva promesso che il suo interim sarebbe durato pochi giorni. E invece pare proprio che dovremo attendere almeno fine aprile o addirittuta i primi di maggio. Il premier è salito al Quirinale nella giornata di lunedì per un primo colloquio con Sergio Mattarella. Come era ampiamente prevedibile il Capo dello Stato ha bocciato l'ipotesi ventilata da alcuni settori del Pd di spacchettare il dicastero (ipotesi che avrebbe consentito di trovare più facilmente una soluzione e un accordo nella maggioranza): la Legge Bassanini lo vieta espressamente. E dunque si torna a lavorare intorno al nome del sostituto di Lupi. Il nodo è politico. Renzi vuole un suo fedelissimo e in pole position ci sono i due sottosegretari alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti e Graziano Delrio, accontentando il Nuovo Centrodestra con il ministero degli Affari Regionali - ancora libero - a Gaetano Quagliariello. Ma l'Ncd non ci sta.

Siccome il ministero delle Infrastrutture dei Trasporti era guidato da un uomo dell'Ncd la logica vuole che continui ad essere così. Il numero uno del Viminale starebbe pensando a diversi nomi, uno fra tutti Maurizio Sacconi. Ma non è l'unico alfaniano in corsa. Il problema, però, sono gli equilibri della maggioranza. Se passa l'idea di un bicolore Pd-Ncd i pochi rimasti in Scelta Civica potrebbero entrare in fibrillazione e minacciare di lasciare la maggioranza mettendo in grave difficoltà il governo a Palazzo Madama. Per Renzi non è facile trovare la soluzione, anche perché la minoranza dem vorrebbe entrare nella partita, magari con un suo esponente agli Affari Regionali nel caso in cui il dicastero di Lupi restasse all'Ncd. Ma in questo caso i renziani doc resterebbero a bocca asciutta. Ecco perché il premier ha provato a sondare Mattarella sullo spacchettamento del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in questo modo avrebbe potuto tenere insieme Ncd, renziani doc e sinistra Pd. La speranza era quella di trovare un cavillo nella Legge Bassanini che consentisse almeno una divisione in due, ma non c'è stato nulla da fare. Il Presidente della Repubblica è stato categorico. Non se ne parla. E così per Renzi tutto è tornato in alto mare.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mattarella renzi lupi ministero interim
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici

Volkswagen presenta i nuovi suv ID.5 e ID.5 GTX coupé 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.