A- A+
Politica

All'inizio è diffidente, definisce la trovata di Daria Bignardi "un piccolo ricatto". Ma alla fine Mario Monti va via dallo studio delle Invasioni Barbariche portandosi via il cane Trozzy, pur non nascondendo qualche perplessità sul nome: "Trozzy?". Prendendo spunto dalla mossa di Silvio Berlusconi, Bignardi fa portare in studio il cucciolo, che viene messo in braccio al candidato premier di Scelta Civica: "Lei ora familiarizzi, poi dopo la pubblicità ci dà una risposta...". E dopo lo stacco commerciale, Monti 'cede': "Lui sembra avermi adottato, lei mi permette di portarlo via?". E scherza: "Nella liberatoria che si fa firmare sempre prima delle trasmissioni tv c'erano più mouli del solito, ora capisco: era l'accettazione del cane...".

Bignardi concorda: "Sembra trovarsi bene con lei", e Monti replica: "Non conosce ancora palazzo Chigi...". Ma non sembra che Monti sia intenzionato a tenere con sè il cane: "Credo ci sarà una gara tra diversi nipoti...".


Bignardi regala un cagnolino a Monti: "Lo adotto"


Monti e Twitter: dopo due ore ero "gasato"


Monti: Vendola duro e chiaro, nulla da aggiungere


Monti a Berlusconi: no rimborso Imu e conservi suo nome


Monti e il Milan: un po' geloso di un certo Super Mario

Tags:
monticane

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot: la filosofia della guida elettrica

Peugeot: la filosofia della guida elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.