La questione morale esiste

Lunedì, 2 febbraio 2009 - 15:42:00


Di Ilario Maiolo

Purtroppo la questione morale è di fondamentale importanza sociale e politica insieme. E direi che gli ultimi avvenimenti, in ordine cronologico, dimostrano lo stato patologico, ormai, cronico in cui versano le nostre Istituzioni. Io non ho niente di personale!

Però, ritengo che le forze politiche, in quanto associazioni di confronto dialettico e sociale e “strumento” democratico per la elezione dei rappresentanti in seno agli organi elettivi, devono avere la capacità e la forza a far fronte al fenomeno dilagante della corruzione. Ma, certo, le forze politiche per far ciò devono essere sane e trasparenti, devono aprirsi alla gente, agli uomini che vogliono farne parte per contribuire a risollevare questo Paese. Non possono essere partiti chiusi a riccio e respingere indietro le persone “responsabili”, dico responsabili, che vorrebbero o vogliono farne parte!

Finché i partiti resteranno quelli di oggi con una classe dirigente incapace e arretrata che non fa politica, non hanno proprio idea di cosa sia un partito, questi pseudo-dirigenti, non riusciranno mai a risolvere le varie “questioni morali”. Causa per la quale hanno perso il loro ruolo di strumento politico e sono diventati basse “oligarchie” da borgata.

E la gente ha perso e continua a perdere la fiducia! Il partito politico è costretto a porsi questi chiarimenti e aprirsi al confronto non solo internamente. Una forza politica seria si pone il problema della “Questione morale” poiché deve coniugare le esigenze sociali ed economiche con la “ragion di Stato”.

Un partito può essere considerato tale quando è vicino alla gente e ai cittadini e quando si pone, appunto, queste riflessioni internamente e cerca di risolverli in modo etico svolgendo quella funzione in modo democratico di aggregare e coinvolgere le forze giovani e sane del Paese.

Tutto questo, oggi, può avvenire solo se si riscopre il modo di fare politica con la “P” Maiuscola, ovvero mettere al centro del proprio impegno in politica il servizio agli altri, cioè, ai cittadini. Servono uomini seri ed onesti con le mani pulite che conoscano i problemi veri della gente.

Non abbiamo bisogno né di “mercanti” né di mestieranti per governare il nostro Paese e renderlo un sogno di bel Paese. Un Paese dove tutti hanno un lavoro e un ruolo, dove il cittadino è rispettato e tutelato in quanto tale e dove la giustizia è uguale per tutti e al servizio di tutti i cittadini.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA