A- A+
Politica

Giorgio Napolitano ha ricordato quanto sia importante l'"esigenza di stabilita' politica e continuita' istituzionale" e intervenendo in una cerimonia al Quirinale ha raccontato dell'"autentico sollievo che ho registrato la scorsa settimana tra gli 8 capi di Stato europei partecipanti all'incontro di Cracovia per aver noi evitato che si aprisse in Italia un vuoto politico, un nuovo periodo di grave incertezza e paralisi decisionale". Il capo dello Stato ha aggiunto: "voglio dire che di cio' va dato merito a tutte quelle forze sociali e politiche che hanno concorso a scongiurare quel rischio".

"Occorre andare avanti con le scelte di politica economica finanziaria e insieme con le riforme politiche e istituzionali da tempo riconosciute necessarie". Lo ha detto il capo dello Stato Giorgio Napolitano al Quirinale. "Quella riforma della legge elettorale - ha sottolineato - quelle revisioni dell II parte della Costituzione di cui si e' gia' delineato il percorso attraverso il serio apporto di una commissione altamente qualificata. E si sa che al procedere di queste riforme - ha ricordato - io ho legato il mio impegno all'atto di una non ricercata rielezione a presidente. Impegno che portero' avanti finche saro' in grado di reggerlo e a quel fine".

 

napolitano camera

C'e' un "segno positivo di una tendenza alla ripresa e un segno opposto di seri motivi di preoccupazione" e tutto questo "riguarda da vicino, coinvolge in pieno l'Italia che stenta piu' di altri paesi a muoversi con passo deciso e spedito verso una nuova fase di sviluppo".

Lo ha detto Giorgio Napolitano in una cerimonia al Quirinale. "Conta in modo decisivo - ha aggiunto - l'operare del governo e del Parlamento, del mondo delle imprese e del lavoro, in una direzione univoca, col massimo di concretezza e di unita'".

"Non dobbiamo trascurare nessuno dei passi avanti compiuti, nessuno dei segnali positivi registratisi; possiamo e dobbiamo tutti trasmettere, non retoricamente, motivi di fiducia su cui fondare un nuovo spirito di iniziativa, un nuovo slancio produttivo e competitivo". Lo ha detto Giorgio Napolitano alla consegna delle onorificenze ai Cavalieri del Lavoro nominati il 2 giugno scorso. "Cio' - ha spiegato il capo dello Stato - e' decisivo per valorizzare le preziose energia delle nuove generazione, liberandole via via dallo spettro della disoccupazione, dal peso della frustrazione e della mancanza di prospettive soddisfacenti".

"L'imperativo e' dunque mantenere i nervi saldi, portare avanti in tutti i campi lo sforzo indispensabile che non puo', non deve essere messo a rischio da particolarismi e irresponsabilita' di nessuna specie". Lo ha detto il capo dello Stato Giorgio Napolitano ad una cerimonia al Quirinale.

Le direttrici di azioni del governo "culmineranno proprio oggi in sede di consiglio dei ministri nell'adozione della legge di stabilita'. Questa iniziera' il suo percorso europeo aperto a ogni valutazione, anche critica, che ci aspettiamo sia comunque responsabile cioe' sostenibilmente propositiva, consapevole di condizioni oggettive complesse e di vincoli ineludibili". Lo ha detto il capo dello Stato Giorgio Napolitano in una cerimonia al Quirinale.

"Siamo alle prese anche con sfide ed emergenze proprie dell'Italia o che ricadono pesantemente sull'Italia: la dolorosa, umiliante, ineludibile emergenza carceraria, a cui ci richiama in modo impellente la Corte europea dei diritti umani". Lo ha detto Giorgio Napolitano al Quirinale. E poi, ha sottolineato, seconda sfida: "la sconvolgente emergenza delle tragedie in mare e dell'assillante dramma di Lampedusa, per la nuova ondata di profughi richiedenti asilo che non si e' riusciti a prevenire e regolare su scala europea". Il presidente della Repubblica ha concluso invitando a "mantenere i nervi saldi" in tutti i campi.

Tags:
napolitano vuoto politico

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.