Per i bianchi scuole belle, per i neri... Obama fa i conti con la segregazione

Sabato, 17 gennaio 2009 - 10:00:00
 

Usa/ Alla Casa Bianca si veste e si mangia italiano...

Usa/ Lettera aperta di Obama alle figlie: scusate per l'assenza. Leggila integrale

Rigoletto/ Anteprima: giustizia sociale e sfida alle lobby, ecco il primo libro sulla politica economica di Obama

Usa/ Obama prenota un biglietto per Cuba. E Raùl lo attende a braccia aperte...

A tutto campo/ Berlusconi: "Non sono una comparsa, non andrò all'insediamento di Obama"

Non solo Obama. Anche Brown e Cameron pazzi per la cucina italiana

Usa/ Dieci balli per Obama. Tutto pronto per il giuramento del presidente Usa

Usa/ Scarpe "made in Pisa" per Michelle. Lady Obama ama osare... con il viola

Usa/ Bush: un attacco in patria è la prima minaccia per Obama

Usa/ Michelle lascia il lavoro per fare la first lady full-time

Usa/ Obama come Spiderman, eroe nei 'comics'

E Obama diventa di cera. La statua nel Madame Tussauds di Londra

Usa/ Super-Obama a torso nudo alle Hawaii

Usa/ Time: Obama uomo dell'anno 2008. Seguono Paulson, Sarkozy e Palin

Usa/ Obama in treno a Washington per l'insediamento

Usa/ Monica Lewinsky nel team di Obama. Trema Michelle...

Di Benny Manocchia

Nel 1954 la Corte Suprema americana emise un giudizio: le scuole nel Sud degli Stati Uniti seguono ancora il sistema dei bianchi da una parte e i neri dall'altra. Bisogna cambiare subito. Nel Sud i neri esultarono, finalmente qualcuno si era ricordato di loro. Ma i bianchi dissero che la Corte Suprema non capiva niente. Comunque, c'è segregation eccome. Si sono visti piccoli alti e bassi quando alla Casa Bianca c'era Johnson; poi tutto è tornato come al solito. Devo dire che ho visto alcune scuole della Georgia. Non c'è paragone, quelle per i bianchi sono moderne, tenute bene, riscaldamento e aria condizionata, soprattutto gli insegnanti sono stati ricercati tra i migliori, offrendo 60 mila dollari l'anno. Le scuole pubbliche dei neri sono decrepite e gli insegnanti sono giovani che accettano di lavorare per 15 mila dollari l'anno.


Obama, Michelle e le figlie Sasha e Malia
GUARDA LA GALLERY



Ora il Civil Right Project è tornato all'attacco, mettendo bene in evidenza le differenze tra i due gruppi e spiegando in dettagli che cosa succede nelle scuole pubbliche della Georgia, Alabama, Mississippi ecc. Per molti si tratta di un preciso messaggio indirizzato alla volta del neo presidente Barack Obama, che per i neri del Sud "sarà bene che affronti subito il problema".


L'hotel dove alloggia la famiglia Obama
GUARDA LA GALLERY



Certo non sarà facile per Obama spiegare agli uomini di colore del Sud che hanno votato in massa per lui, come mai abbia scelto una privatissima scuola di Washington per le due figlie di 10 e 7 anni. Molti si aspettavano
un gesto magari anche simbolico :"Le mie ragazze frequenteranno una scuola pubblica assieme alle altre ragazze!". Macché. Invece ha scelto la privatissima e costosissima Sidwell Friends School, dove vanno i figli degli ambasciatori, dei senatori, dei pezzi grossi del governo. La segretaria di Michelle Obama ha detto ad Affaritaliani.it: "La signora ha pensato subito alle scuole pubbliche, poi ha deciso per la privata per permettere alle sue due figlie di studiare in pace". Chiaro no?

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA