Usa, Michelle Obama l'arma vincente di Barack

Giovedì, 9 ottobre 2008 - 09:03:00


Presidenziali Usa: se fossi un cittadino americano, chi voteresti il 4 novembre?

Usa/ Guerra di sondaggi dopo il confronto in tv: Obama ha vinto, no McCain ha trionfato...

Presidenziali Usa/ McCain vince in politica estera. Ma sull'economia Obama più credibile

Usa/ Un caffé con Obama o con McCain? Guerra di sondaggi. Tutta danno avanti Obama ma con margini molto diversi

Usa/ Ora Sarah Palin fa paura e mette nell'angolo Obama

Usa/ Ecco l'iPhone di Obama. Per non perdere di vista il candidato democratico...

Usa/ Obama: McCain getta fango per rimuovere la crisi economica

Usa/ Ecco perché Obama rischia di perdere le elezioni

Usa/ La corsa alla Casa Bianca diventa hard. La Palin "protagonista" di un film porno

Usa/ Homer Simpson si schiera con Obama ma... IL VIDEO

Sarah Palin ha vinto la sfida dei vice. Biden si è limitato al suo compitino

Duello Obama-McCain: zero a zero. Entrambi glissano sul piano anti-crisi

Barack Obama allunga sul rivale John McCain, anche secondo l'ultima rilevazione Zogby. Sospinto dal crescente appoggio di donne e indipendenti, il senatore dell'Illinois è adesso al 48 per cento, contro il 44 del rivale repubblicano. Dopo il secondo duello che lo ha visto uscire vincente, dunque, Obama gode di 4 punti di vantaggio: Zogby, che conduce rilevazioni giornaliere, mercoledì gli assegnava due soli punti di vantaggio, statisticamente irrilevanti.

MICHELLE: I TONI E LE ACCUSE DI MCCAIN MI SCIVOLANO ADDOSSO

Michelle Obama ha gettato acqua sul fuoco delle polemiche per i toni forti che la campagna del repubblicano John McCain ha assunto nei confronti del marito, Barak. L'aspirante First Lady, ospite di Larry King, l'intervistatore più famoso d'America, ha assicurato di non essersi sentita offesa quando martedì, durante il secondo dibattito presidenziale, McCain ha indicato Obama definendolo "quello là". "Durante il dibattito io mi sono concentrata su quello che diceva Barak Obama e ho guardato piuttosto le espressioni degli indecisi, ho osservato le loro reazioni", ha diplomaticamente spiegato la bella Michelle, con un abito smanicato viola come sempre in perfetto stile Jackline, pettinatura e spilla piumata retrò comprese. Solo il trucco è apparso più marcato del solito, in linea con la piega seriosa della conversazione. "Io penso che ci siano stati sempre due dibattiti durante questa campagna elettorale: uno a livello di sapientoni... e l'altro dal basso", cioè quello con la gente comune. "Alle gente non importano i battibecchi tra i due candidati - ha proseguito - alla gente interessano risposte concrete sulla situazione economica, su come rimetteremo in sesto il sistema sanitario... tutto il resto è comunque parte della politica".

Non si è scomposta neppure quando è stata incalzata sull'amicizia di Obama con il "terrorista" William Ayers, sbandierata in questi termini dalla numero due del ticket repubblicano, Sarah Palin. Ayers è stato negli anni sessanta uno dei fondatori del movimento radicale Weather Underground, noto per aver tirato bombe contro stazioni della polizia, il Pentagono e il Capitol. "Non c'è nessuno a Chicaco che si sia seriamente occupato di educazione (come Barak Obama) e che non conosca Ayers", ha replicato Michelle. "E poi la gente conosce Barak, lui ha scritto un'autobiografia e su di lui sono stati scritti libri. Conosce il suo cuore, il suo spirito. Io incoraggio la gente a giudicare i candidati sulla base delle loro azioni, del loro carattere e non per quello che altri hanno fatto quando loro avevano otto anni...". Nei confronti dell'ex rivale del marito, Hillary Clinton, Michelle ha usato toni ad dir poco affettuosi. "Lei è fenomenale - ha detto - è stata sempre cordiale e aperta. Ci siamo sentite, parlate, mi ha dato consigli sui figli. Lo stesso sostegno ci ha garantito Bill". Solo parlando di Cindy McCain, Michelle si è concessa una piccola stoccata. La moglie del candidato repubblicano ha definito la campagna di Obama "la più sporca della storia americana".

"Non è vero - ha assicurato Michelle - anzi sono orgogliosa di come mio marito sta conducendo questa campagna. E' uno degli uomini più intelligenti che io conosca e a dispetto delle divergenze ha sempre invitato a non trascendere nei toni. Non so quando Cindy abbia detto questa cosa. Quando mi incontra è sempre cordiale e ci stringiamo la mano...". Infine, quanto all'avere la vittoria in tasca, come i sondaggi sembrano indicare, Michelle è stata scaramanticamente cauta: "Nulla si può dare per scontato fino a quando tutto non sarà veramente finito...E poi non è solo la vittoria che ci interessa, noi vogliamo cambiare la politica, vogliamo mantenere alti l'impegno e il coinvolgimento della gente. E' una questione di democrazia".

I FOO FIGHTERS VIETANO A MCCAIN DI USARE LA LORO CANZONE

I Foo Fighters hanno chiesto a John McCain di smettere di usare la loro canzone 'My Hero' per la sua campagna elettorale. "Non è la prima volta che la campagna di McCain usa una canzone senza alcun tentativo di ottenere l'approvazione o il permesso di un artista", denuncia il gruppo in una nota, citata dall'Nbc. "E' frustrante e fa arrabbiare", continua il testo, "che qualcuno che pretende di parlare al popolo americano mostri così poco rispetto per la creatività e la proprietà intellettuale. L'aspetto più triste è che 'My Hero' fu scritta come una celebrazione dell'uomo comune e delle sue potenzialità straordinarie" e "usata in modo tale da sconvolgerne lo spirito originale". "Speriamo", concludono, "che la campagna di McCain faccia la cosa giusta, smetta di usare la nostra canzone e, in generale, inizi a chiedere l'autorizzazione agli artisti". 'My Hero', scelta forse per il titolo che rimanda al passato da eroe di guerra del senatore repubblicano, uscì per la prima volta nel 1997 nella raccolta 'The colour and the shape' dei Foo Fighters, un gruppo post-grunge, che deve il suo nome all'espressione usata durante la Seconda guerra mondiale per indicare i piloti alleati che riferivano di strani avvistamenti aerei, simili a quelli che in seguito si chiamarono Ufo.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA