A- A+
Palazzi & potere
Governo, l'ultima tentazione: vaccino obbligatorio per tutti?

«Essere vaccinati non significa essere protetti al 100%, anzi si rischia pure di ammalarsi gravemente. Per essere tutti al sicuro, sarà indispensabile che tutti si vaccinino», quando un prodotto-scudo contro Covid-19 sarà disponibile. È il monito lanciato dal virologo Roberto Burioni, docente all'università Vita-Salute San Raffaele di Milano, che sul portale «Medical Facts» da lui fondato interviene dopo i nuovi dati annunciati da Pfizer/BioNtech, ma anche dopo l'indagine Ipsos che svela i timori degli italiani sulla vaccinazione che verrà.

«In Italia l'atteggiamento della popolazione, inspiegabilmente, appare molto diffidente - commenta lo scienziato - Sarà indispensabile fare qualcosa e cominciare a pensarci finora», esorta Burioni. Oltre all'indagine Ipsos c'è anche uno studio appena condotto dall'università cattolica di Milano che evidenzia come il 41% degli individui intervistati ritiene tra il «per niente probabile» o a metà tra «probabile e non probabile» la possibilità di una futura vaccinazione.

Il fatto che ben quattro italiani su dieci non ne vogliano sapere di vaccinarsi preoccupa non poco gli scienziati, i tecnici del governo e anche il premier Conte, rivela Italia Oggi in un approfondito retroscena. La faccenda è terribilmente seria perché, senza un adeguato numero di vaccinati, il vaccino potrebbe risultare totalmente inutile e compromettere così sia la salvezza sanitaria del paese che la ripresa economica e l'uscita dalla recessione.

Che fare dunque? Conte ad agosto disse «no» al vaccino obbligatorio per tutti. Ma molta acqua da allora è passata sotto i ponti e le convinzioni non sono più così granitiche come un tempo, tanto che dalle parti di Palazzo Chigi si starebbe cominciando a ragionare su più scenari, a cominciare da quello di una massiccia campagna di informazione per spiegare agli italiani che sarebbe una follia non vaccinarsi in modo da rendere, se non formalmente, almeno «di fatto» il vaccino obbligatorio per tutti.

«Forse dovremmo discutere se renderlo obbligatorio», i ragionamenti che si fanno tra i tecnici mentre si studiano tutti i possibili scenari. «È sconcertante che un'italiano su quattro non ne voglia sapere di farsi vaccinare. Significherebbe tenere la sanità in agonia e compromettere la ripresa economica e sociale del paese» spiegano fonti politiche di primo piano. Ripresa che il governo spera avvenga entro la fine della legislatura per presentarsi in grande spolvero alle prossime elezioni previste per il 2023. Perché il problema non è soltanto nell'immediato. Bisogna far raffreddare la curva dei contagi per poter poi procedere con la ripartenza del Paese, evitando assolutamente che esplodano tensioni sociali.

Loading...
Commenti
    Tags:
    governovaccinocontecovidcoronavirussondaggi
    Loading...
    in evidenza
    I "voltagabbana" della politica? Li spiega la commedia del cinema

    Politicamente scorretto

    I "voltagabbana" della politica?
    Li spiega la commedia del cinema

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5, Dayane Mello: che siluri contro Tommaso Zorzi

    Grande Fratello Vip 5, Dayane Mello: che siluri contro Tommaso Zorzi


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Inizia la prevendita di Enyaq IV, il primo suv elettrico di Skoda

    Inizia la prevendita di Enyaq IV, il primo suv elettrico di Skoda


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.