A- A+
Palazzi & potere
Letta tradito anche dalla sinistra Pd. Così Renzi conquistò il Palazzo

Una nuova ricostruzione illumina gli eventi del febbraio 2014. Complice la malattia di Bersani, le sue truppe si consegnarono al rottamatore

Quella mattina, finito di sorbire il suo solito tè, Enrico Letta capì che non c' era più nulla da fare: Matteo Renzi lo aveva messo all' angolo. Erano le 8 del 13 febbraio 2014 e al piano nobile di palazzo Chigi il presidente del Consiglio fece entrare nel suo studio dalle pareti dorate, i tre ospiti che avevano chiesto di vederlo: il vicesegretario Lorenzo Guerini, il presidente dei senatori Luigi Zanda e quello dei deputati, Roberto Speranza. E la presenza di Speranza, capofila della ancora forte sinistra interna, fece capire al premier che il colpo di grazia lo avevano inferto proprio loro, gli ex comunisti, a parole ostili a Renzi ma nei fatti decisivi nel favorire la sua escalation. Ai tre che gli chiedevano di lasciare il campo senza traumi, Letta rispose così: «Questa è un' operazione che farà male al Paese». L' incontro fu gelido, durò quattro minuti e dieci ore più tardi la Direzione del Pd ritirò la fiducia a Letta e aprì la strada al governo guidato da Matteo Renzi.

Frammento finale, scrive fabio martini sulla stampa, ma significativo di una vicenda che è passata alla storia come un colpo di mano di Renzi ai danni di Letta. Curiosamente Renzi non ha mai tentato di togliersi di dosso l' immagine del pugnalatore: forse perché consapevole che non sarebbe stato ritenuto credibile dopo il famoso «Enrico stai sereno», pronunciato pochi giorni prima del fattaccio? Eppure, due anni dopo il cambio della guardia, l' accumularsi delle testimonianze «postume» e la distanza dagli avvenimenti consentono una lettura meno manichea di quel passaggio.

Renzi, come raccontano da tempo i suoi amici, aveva deciso di puntare su palazzo Chigi ben prima di vincere, nel dicembre 2013, le Primarie del Pd. E lo aveva fatto, erodendo la base parlamentare del governo. In quei mesi il sindaco di Firenze intreccia un rapporto personale con uno dei capofila degli ex comunisti, Matteo Orfini e con l' ex dc Dario Franceschini, vecchio sodale di Letta. Poi, una volta vinte le Primarie, Renzi «punta» il core business, quello dei parlamentari in gran parte vicini a Bersani. Con due messaggi che Renzi fa correre nei pourparler quotidiani tra gli scranni parlamentari: «I sondaggi sono brutti, se continuiamo col passo di Letta, alle Europee prendiamo una legnata» E ancora: «Così non va, serve un governo di legislatura», che è sempre un bel richiamo per parlamentari di qualsiasi età e ideologia.

I mass-media non li intercettano, ma i messaggi renziani si infilano nelle teste dei peones.

Tags:
lettarenzi
Loading...
in vetrina
Grande Fratello Vip 2020 3 ELIMINAZIONI, NOMINATION E LITI: I FINALISTI E..

Grande Fratello Vip 2020 3 ELIMINAZIONI, NOMINATION E LITI: I FINALISTI E..

i più visti
in evidenza
Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
Con la quarantena città vuote Grosso problema per i piccioni

Coronavirus vissuto con ironia

Con la quarantena città vuote
Grosso problema per i piccioni


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie

Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.