Aids, la Francia e la Germania contro il Papa

Mercoledì, 18 marzo 2009 - 12:28:00

ANCHE LA UE CONTRO IL PAPA - Il preservativo "è uno degli elementi essenziali nella lotta contro l'Aids e la Commissione Ue ne sostiene la diffusione e l'uso corretto" così il portavoce del commissario Ue agli aiuti umanitari, entra nel dibattito europeo sorto in seguito alle parole del Papa. "La Commissione Ue considera che ci siano chiare prove scientifiche che confermano il ruolo di prevenzione del preservativo nella diffusione dell'Aids, pertanto ne sostiene attivamente l'uso, soprattutto in Africa e nei paesi in via di sviluppo dove l'Aids rappresenta un'emergenza insieme alla malaria e alla tubercolosi", ha detto John Clancy. "Aids, tubercolosi e malaria sono le tre grandi emergenze sanitarie per l'Africa e i paesi in via di sviluppo, e la lotta contro queste tre calamità è un elemento di grande importanza nella politica per lo sviluppo della Commissione europea", ha aggiunto Clancy. I programmi di prevenzione finanziati con fondi comunitari e nazionali riguardano anche la diffusione di preservativi e campagne di educazione per favorirne un uso corretto.

IL DIBATTITO E GLI SCONTRI

Aids/ In Italia 120.000 sieropositivi, ma 60.000 non lo sanno

Africa/ Il Papa: cure gratis ai malati di Aids. No ai preservativi

Obama/ Nuova svolta anti Bush: sì al documento Onu per i diritti dei gay

"Grandissima preoccupazione" è stata espressa dal ministero degli Esteri francese per "le conseguenze" sulla lotta contro l'Aids delle parole del papa Benedetto XVI sull'uso del preservativo. "La Francia esprime la sua più viva inquietudine per le consequenze delle dichiarazioni di Benedetto XVI", ha dichiarato il portavoce del ministero Eric Chevallier.

"Se non è nostro compito giudicare la dottrina della Chiesa, crediamo che tali dichiarazioni mettano a rischio le politiche della salute pubblica e gli imperativi di protezione della vita umana", ha aggiunto. A sollevare le critiche francesi sono state le parole del Papa che ieri, durante il suo viaggio in Africa, ha dichiarato che non si poteva risolvere il problema dell'Aids con "la distribuzione dei preservativi", e che, al contrario "questi aggravano il problema".


Il Papa in Africa

Anche il direttore esecutivo del Fondo mondiale per la lotta contro l'Aids, Michel Kazatchikine, ha espresso la sua profonda indignazione a Radio France Inter. "Queste parole sono inaccettabili. E' una negazione dell'epidemia. E fare tali dichiarazioni in un continente che è sfortunatamente quello più colpito dalla malattia, è assolutamente incredibile", ha commentato, concludendo "Chiedo che queste parole vengano ritirate, in modo chiaro".

Alle polemiche risponde la Santa Sede, dicendo che la considerazione di Benedetto XVI circa l'inefficacia del condom per arrestare l'epidemia dell'Aids in Africa è stata riassunta dai media in modo frettoloso. La posizione espressa della Chiesa sui preservativi è quella già nota di Giovanni Paolo II e ieri Papa Ratzinger ha osservato solo che questi mezzi non risolvono il problema dell'Aids a conclusione di un ragionamento lungo e articolato sulle risposte efficaci che la Chiesa Cattolica sta dando sul fronte dell'Aids proprio in Africa, come emerge dal testo completo delle dichiarazioni del Pontefice sull'aereo, diffuso solo oggi dalla Sala Stampa della Santa Sede: "Non si può superare questo problema dell'Aids solo con slogan pubblicitari. Se non c'è l'anima, se gli africani non si aiutano, non si può risolvere il flagello - dice il Papa nel testo diffuso oggi - con la distribuzione di profilattici: al contrario, il rischio è di aumentare il problema".

CRITICHE ANCHE DALLA GERMANIA. Anche Berlino scende in campo per criticare le parole di Benedetto XVI sull'Aids e l'uso dei preservativi. In un comunicato congiunto il ministro della Salute, Ulla Schmidt e quello della Cooperazione economica e dello Sviluppo, Heidemarie Wieczorek-Zeul, spiegano che "i profilattici salvano la vita tanto in Europa che negli altri continenti" e hanno quindi "un ruolo decisivo".

NO COMMENT DI FRATTINI. "Non commento le parole del Papa". Così il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha risposto a un giornalista che gli ricordava che Francia e Germania hanno reagito alle affermazioni di Benedetto XVI sull'Aids e sull'uso dei profilattici.

0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA