A- A+
Politica
Libia/ Fiano (Pd): l'Italia è pronta, l'Onu decida rapidamente


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"Il governo e il Partito Democratico ritengono che sia assolutamente necessario fare qualcosa, che debba essere fatto su decisione dell'Onu e che tra le soluzioni possibili ci sia anche quella che comprenda i militari. Poi, da qui a dire che siamo pronti a partire per la guerra ce ne passa. Ma noi non ci stiamo a guardare quello che accade in Libia con indifferenza, sia per le popolazioni che sono coinvolte sia per il pericolo che l'avanzata dell'Isis pone a noi e a tutto l'Occidente. Non è escluso l'invio di soldati italiani sul territorio libico, ma lo si può fare solo se c'è una decisione internazionale". Emanuele Fiano, responsabile sicurezza della segreteria del Pd, intervistato da Affaritaliani.it, conferma la disponibilità del governo italiano a un eventuale intervento militare in Libia, ovviamente su richiesta delle Nazioni Unite.

I tempi della decisione dell'Onu? "Credo che sia una valutazione che si svolgerà in tempi rapidi, anche perché la situazione sul campo sta evolvendo rapidamente. Per altro, l'Italia in Libia è coinvolta più di altri, sia per motivi storici sia per motivi economici. E quindi noi spingiamo perché l'Onu faccia sentire la sua voce rapidamente. Siamo favorevoli che di queste questione se ne occupino gli organismi internazionali e riconosciuti da tutti. Ma bisogna che l'Onu prenda la parola in fretta e senza stare a guardare".

Fiano aggiunge: "Mi pare che ci sia un consenso su questa formula dell'Onu che va al di là del Pd. Anche Romano Prodi che si è detto contrario alla guerra però dice l'Onu intervenga. Poi bisogna capire che cosa significa. L'Italia al momento paga il rischio più alto, sia per le minacce dell'Isis sia perché sono immaginabili e già visibili moltissime persone in fuga dalla Libia verso le coste italiane con i barconi. Paghiamo poi il rischio più alto anche per motivi economici. Noi non siamo guerrafondai, l'articolo 11 della nostra Costituzione ribadisce la nostra identità non guerrafondaia, ma non possiamo nemmeno immaginare che tutto accada senza che ci mettiamo a ragionare insieme agli altri pease, e quindi insieme agli organismi internazionali, su quello che c'è da fare. L'Italia ha dato la sua disponibilità e vedremo che cosa succede".

Tags:
pdlibiamilitariazione militareonuguerrafiano

i più visti

casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.