A- A+
Politica

Chi, come lo scrivente, non è salito sul carro degli osannanti le inchieste, politiche, di Antonio Ingroia, non si associa, stavolta, al codardo oltraggio nei confronti dell'ex Procuratore aggiunto di Palermo, sulla scia della bocciatura, affibbiatagli, con severità, da Boccassini.

Per 2 ragioni. Una, formale : il maestro del leader di "Rivoluzione civile" non è stato Falcone, ma Paolo Borsellino, che fu un simpatizzante del MSI di Almirante e Romualdi. E, politicamente, era distante anni luce dai comunisti  Diliberto e Ferrero, imbarcati dall'ex toga siciliana nelle sue liste.

Seconda, di fondo : l'elogio, postumo, di Boccassini non aggiunge nulla alle eccellenti e conosciute, non solo in Italia, qualità del dottor Giovanni, magistrato intelligente, in primo luogo perchè profondo conoscitore della mentalità dei boss e non rispettoso, solo, delle esternazioni, spesso mendaci, dei "pentiti".

Dell'attività e delle intuizioni di Falcone si deve parlare, nella magistratura, nelle Università, nelle scuole. Ma la sua bara e il suo testamento, morale e giudiziario, non vanno utilizzati, come delle clave o, peggio, come l'ingaggio di un Balotelli qualsiasi, in campagna elettorale. Per rispetto verso il defunto magistrato,  i suoi tanti estimatori, la sua famiglia.

Infine, è vero che Falcone non sali' mai in politica. Ma, nei primi anni 90, lasciò il "Palazzo dei veleni" di Palermo, dove era duramente osteggiato dall'allora Capo della Procura, don Pietro Giammanco, e andò a lavorare con il socialista Claudio Martelli, allora Guardasigilli, che lo nominò Direttore generale degli Affari Penali, con sua vice la dottoressa Livia Pomodoro.

Pietro Mancini

 

 

Tags:
boccassiniingroia

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.