A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani

renzi cuperlo 500

Nel Partito democratico lo chiamano 'incubo due milioni'. E' il numero minimo di elettori che dovranno partecipare alle primarie perché non si possa parlare di flop. Se infatti lo scorso anno i partecipanti sono stati tre milioni, quest'anno il rischio è che in pochissimi vadano alle urne l'otto dicembre.
 
I motivi principali son due. Primo perché la disaffezione verso il partito e i suoi meccanismi è tanta. Lo dimostra il tesseramento. Non solo quest'anno si sono iscritti meno italiani rispetto al 2112. Ma con la chiusura anticipata del tesseramento e i brogli sparsi qua e là è emerso un partito poco trasparente, influenzato da capibastone e cacicchi. Una debolezza che ha allontanato i suoi sostenitori (lo dicono anche i sondaggi, meno due punti in quindici giorni).

C'è poi la sensazione diffusa che queste primarie abbino un finale già scritto: la vittoria di Matteo Renzi. E a nessuno interessa andare a votare per una sfida che si considera già vinta o persa. Per i bersaniani e i dalemiani questo spettro è una buona notizia: depotenziare la vittoria di Renzi è il loro obiettivo, visto che le primarie sono ormai perse. Un segretario dimezzato, che dovrà destreggiarsi tra Firenze e il Nazareno, è il bersaglio perfetto da attaccare in vista della candidatura a Palazzo Chigi.

Ma dal quartier generale non emerge nervosismo. I sondaggi, dicono, danno già due milioni di italiani pronti a votare. Senza contare che la vera campagna elettorale non è ancora iniziata: il sindaco di Firenze per ora si è risparmiato, ma a ridosso dell'otto dicembre intensificherà le sue presenze in tv e sui giornali. Il budget stanziato è di 200mila euro, soldi che serviranno ad organizzare incontri sul territorio, niente affissioni o spazi pubblicitari sui media, dicono da Firenze.

 twitter@Tommaso5mani

 

Tags:
renzi primarie
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.