A- A+
Politica
Quirinale, da “Fanfani nano maledetto” al Cynar a Scelba: tutti gli aneddoti
Sandro Pertini e Amintore Fanfani

Schede stracciate, un bicchiere di Cynar a Mario Scelba, l’urna a domicilio, il nano maledetto e il voto alla bersagliera. Momento più alto e complicato della vita politica italiana, l’elezione del presidente della Repubblica è stata spesso teatro di scene concitate, drammatiche ma anche curiose e non prive di una perfida ironia. Tra cronache e racconti dei testimoni molte di esse sono state ricordate mentre mille altre resteranno riservate. Eccone alcune trovate curiosando tra i tanti racconti dei protagonisti.

LA SCHEDA STRACCIATA

La prima elezione, nel 1948, risentiva ancora del clima caldo dei primissimi anni del Dopoguerra e delle tensioni che avevano contraddistinto il referendum tra monarchia e repubblica. Capita così che Giovanni Alliata Di Montereale, nobile eletto dal Partito nazionale monarchico, nella prima seduta comune del primo Parlamento repubblicano, annunciando la sua astensione stracci platealmente la scheda. Immediate le grida dai banchi di tre quarti dell’emiciclo ‘Viva la Repubblica’, e immediato il richiamo del presidente della Camera Giovanni Gronchi: “faccio osservare all’onorevole Alliata che meglio avrebbe conferito alla serietà della sua posizione il non aver accompagnato la sua dichiarazione con un gesto che io debbo disapprovare”.

Dopo altri cori contrapposti e una piccola baruffa procedurale le elezioni proseguono e in quattro scrutini portano Luigi Einaudi al Quirinale. Questi era molto schivo e a un giovane Giulio Andreotti che per conto di De Gasperi gli prospetta l'elezione, obietta: “Ma lei lo sa che porto il bastone? Come farei a passare in rassegna i reparti militari?”. “Non si preoccupi, mica deve andarci a cavallo, al giorno d’oggi ci sono le automobili...” gli ricorda serafico il giovane Dc. Ed è proprio De Gasperi a convincere il governatore di Bankitalia, una volta eletto, a trasferire la Presidenza da palazzo Giustiniani al Quirinale.

Il CYNAR A SCELBA

E' il 1955, al governo c’è Mario Scelba, l'elezione di Giovanni Gronchi con i voti di socialisti e comunisti fa sperare questi ultimi in una caduta dell'esecutivo. E così, a scrutinio avvenuto, Gian Carlo Pajetta e Velio Spano fanno portare dai commessi un Cynar liscio ai banchi del governo dove siede Scelba. Che però si mostrò più resistente del previsto e lasciò la guida del governo solo dopo altri due mesi. Anche per l'ambasciatrice Usa a Roma Claire Both Luce l'elezione di Gronchi è indigesta: assiste agli scrutini dalla tribuna della Camera ma alla proclamazione del nome del nuovo presidente abbandona il suo posto con un'uscita plateale. Altra 'vittima' di quella elezione è Cesare Merzagora, che ritiene di poter avere il voto della Dc e del Pci. Andreotti lo mette in guardia ma lui non si ritira e una volta sconfitto ammette amaramente: "mi sono fatto giocare come un bambino a moscacieca".

BISOGNEREBBE VOTARE NUDI

L'elezione di Antonio Segni si svolge in un clima di tensione tutto interno alla Dc, Aldo Moro sostiene Segni ma i franchi tiratori votano anche per Attilio Piccioni e Giovanni Leone, e sono in corsa anche Gronchi e Fanfani. Le elezioni si susseguono e i morotei inventano un trucco: ritirano dai commessi due schede e le consegnano precompilate ai loro colleghi sospettati di non avere 'le idee chiare'. Il gioco viene subito scoperto tanto che, indignato, Giuseppe Rapelli sbotta: "bisognerebbe votare nudi". E l'escamotage, nonostante le proteste che giungono anche da tanti democristiani, sortisce l'effetto desiderato e dopo altri quattro giorni di votazioni Segni viene eletto.

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    andreotticollefanfanimoronapolitanoquirinalescelba
    in evidenza
    Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

    Nino Cerruti

    Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

    i più visti
    in vetrina
    Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

    Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid


    casa, immobiliare
    motori
    Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

    Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.