Referendum elettorale verso il rinvio

Sabato, 18 aprile 2009 - 11:32:00

Referendum/ Franceschini: grida vendetta il no all'election day. E Berlusconi...

FORUM/ Scontro nella maggioranza? Chi ha ragione? Berlusconi, Bossi o Fini?

SONDAGGIO 1/ Liti Pdl-Lega, il governo durerà tutta la legislatura?

SONDAGGIO 2/ Intesa Pdl-Lega: niente abbinamento tra elezioni europee e referendum. E' la scelta migliore?

Referendum/ Bossi: con Berlusconi nessuno strappo

Referendum/ Fare Futuro: Lega tira a campare ma non è più tempo

In crisi la capacità della Lega di "tenere sotto scacco" le istituzioni Di Aldo Turinetto

Il pericolo di un referendum su Bossi Di Marco Volpati

Pdl-Lega, c'eravamo tanto amati Di Giuseppe Morello

Referendum/ Berlusconi: la Lega avrebbe fatto cadere il governo

RETROSCENA/ Da Berlusconi schiaffo a Bossi e siluro a Fini

Referendum/ Latorre (Pd) ad Affaritaliani.it: con il sì esce una legge schifezza

Referendum? Lega comunque decisiva. Ecco perché Silvio rinuncia al blitz

Il referendum elettorale verrà rinviato di un anno, alla primavera del 2010. Niente abbinamento con i ballottaggi il 21 giugno. Salvo colpi di scena dell'ultima ora, è questa la decisione del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, come spiegano ad Affaritaliani.it fonti parlamentari del Popolo della Libertà ai massimi livelli. Non solo. Dal Partito Democratico, in via informale, è arrivato un via libera al rinvio. Subito dopo l'estate il premier si impegnerà a sollecitare una riforma della legge elettorale in Parlamento, che tenga conto anche del quesito referendario. La consultazione, quindi, potrebbe anche essere annullata definitivamente nel caso in cui maggioranza e opposizione riuscissero a trovare un accordo entro l'aprile del 2010.

MARONI SENTE L'OPPOSIZIONE - "Sul referendum decideremo sulla base della proposta che il ministro dell'Interno farà all'opposizione, che per noi è il 21 giugno o il rinvio". Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo del Pdl al Senato, sintetizza così i lavori dell'ufficio di presidenza del Pdl. Toccherà adesso al ministro dell'Interno, Bobo Maroni sondare il parere dell'opposizione. "La proposta di Maroni arriverà con ogni probabilità al prossimo cdm" continua Quagliarello.

Ignazio La Russa ad Affaritaliani.it: Berlusconi ha accolto la proposta del rinvio di un anno

Silvio Berlusconi ha accolto la proposta di rinviare di un anno il referendum elettorale. E comunque la decisione finale, che spetterà al Parlamento, non prevede vincoli di maggioranza. E' la sintesi della dichiarazione rilasciata dal ministro della Difesa Ignazio La Russa ad Affaritaliani.it. "Credo che fosse giusto assecondare la valutazione della Lega sul non fare il referendum il 7 giugno, perché essendo una decisione del governo non poteva essere cambiata la prassi che non ha mai accorpato le due consultazioni. E tutto il governo non era d'accordo. Per innovare una prassi occorreva l'unanimità dei partiti che compongono l'esecutivo. La Lega, secondo me sbagliando, non si è convinta dell'election-day neanche in presenza dell'eccezionalità del terremoto", spiega il coordinatore del Popolo della Libertà. Che aggiunge: "Ma una volta che abbiamo accertato che la Lega era contraria, ha fatto bene Berlusconi a non fissare l'election-day unico, perché sarebbe stata una rottura con la prassi e con la regola non suffragata dall'unanimità del governo. Dovendo rinviare il referendum ed essendo improbabile che la data sia quella che dobbiamo necessariamente e provvisoriamente fissare, il 14 giugno, se vogliamo poi cambiarla essendo la peggiore perché non consente alcun risparmio e obbliga gli elettori a votare tre domeniche di fila, ci sono due probabilità: o votare il 21 giugno o rinviare". La Russa rivela: "Nella riunione del Pdl la tesi prevalente è stata quella di accettare la mia proposta, ma anche di Elio Vito e di altri come Tremonti - soprattutto accolta da Berlusconi - di andare al rinvio fino a un anno. Rimane però in piedi l'ipotesi del 21 che è quella più gradita dalla Lega. Ma questa volta non si tratta di rompere una prassi ma anzi di seguire la prassi, che in casi come questi ha sempre previsto il rinvio. Alla fine, qualunque sia la decisione, sarà il Parlamento con una leggina e con i numeri che ci saranno a decidere tra il rinvio e il 21 giugno. E' importante capire che cosa farà l'opposizione, perché stiamo parlando non del merito ma delle data. E su questo non c'è un vincolo di maggioranza".



0 mi piace, 0 non mi piace

Commenti


    
    Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
    Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
    Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
    Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
    Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
    Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
    Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
    Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
    LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

    LA CASA PER TE

    Trova la casa giusta per te su Casa.it
    Trovala subito

    Prestito

    Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
    SCOPRI RATA

    BIGLIETTI

    Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
    PUBBLICA ORA