A- A+
Politica

Il commissario Ue all'economia Olli Rehn accusa l'ex premier Silvio Berlusconi di aver soffocato la crescita in Italia. Tra agosto e novembre 2011, ha sostenuto Rehn nel corso di un'audizione all'Europarlamento, "il governo Berlusconi ha deciso di non rispettare piu' gli impegni presi in estate con l'Europa e in questo modo ha soffocato la crescita economica italiana". Cio' ha portato "alla fine del governo Berlusconi e alla formazione del governo di Mario Monti che poi e' riuscito a stabilizzare la situazione in Italia".

Nel suo intervento al Parlamento Europeo, Rehn ha parlato di Berlusconi per spiegare i rischi che si corrono nel non seguire una politica di risanamento dei conti, soprattutto nei Paesi con i conti pubblici meno in ordine. Il commissario finlandese ha affermato che quanto avvenuto in Italia "tra l'agosto e il novembre 2011" rappresenta "un esempio concreto". Spiega Rehn: "Nell'estate del 2011 l'Italia aveva fatto promesse di risanamento dei conti. Inizialmente l'Italia ha rispettato gli impegni, la Banca centrale europea e' intervenuta e il costo del finanziamento pubblico e' sceso, ma poi il governo di Berlusconi ha deciso di non rispettare gli impegni e il risultato e' stato il prosciugamento dei finanziamenti, che ha soffocato la crescita economica e ha portato alla fine del governo Berlusconi", ha detto Rehn.

Tags:
rehneuropaitaliacrescitaberlusconi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.