A- A+
Politica
Hollande umilia Renzi. Dalla Francia una lezione sui migranti


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Altro che la sconfitta in Liguria, a Venezia e ad Arezzo. La frase del ministro dell'Interno francese Bernard Cazeneuve ("Dall’inizio dell’anno abbiamo avuto circa 8.000 passaggi e abbiamo fatto riammettere in Italia circa 6.000 migranti. Non devono passare, è l’Italia che deve farsene carico. Bisogna rispettare le regole di Schengen") è uno schiaffo dolorosissimo per Matteo Renzi.

Il premier del fare stavolta non fa. O forse non sa cosa fare. La Francia socialista di Hollande, per certi versi più di sinistra dell'attuale Pd, dà una lezione al governo italiano: distinguere i clandestini, che vanno respinti, dai richiedenti asilo. Il presidente del Consiglio, al di là delle proteste delle opposizioni (non solo di Salvini), è finito nell'angolo. Ha parlato di un 'piano B', smentito seccamente da Bruxelles, e ha incassato il no non dalla Polonia o dall'Ungheria guidate da partiti di destra ma dall'alleato numero uno, quella Francia anti-lepenista di Hollande che sembra parlare e agire proprio come Salvini e la Meloni.

A questo punto Renzi dovrà inventarsi qualcosa altrimenti la situazione rischia davvero di esplodere. Se i migranti non possono andare negli altri paesi europei, e difficilmente le cose cambieranno nel prossime vertice Ue, continueranno ad arrivare e a restare nel nostro Paese andando ad aumentare le tensioni sociali e il rischio di episodi di razzismo. Il premier e il ministro dell'Interno Alfano sono seduti su una "bomba" (sociale) che rischia di esplodere e di fare molti danni. Per i migranti, per gli italiani e anche e soprattutto per gli immigrati regolari che sono in Italia da anni e che troppo spesso sono le prime vittime di questa emergenza senza fine.

Tags:
renzihollandemigranti

i più visti

casa, immobiliare
motori
Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.