A- A+
Politica
Renzi dagli 80 euro agli 80 voti. Italicum, o stravince o va a casa


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Inizia la lotteria dell'Italicum a Montecitorio. Oggi i primi voti sulla legge elettorale. Si parte dalle pregiudiziali di costituzionalità, che, quasi certamente, verranno respinte dall'Aula. Ma il premier chiuso a Palazzo Chigi guarda con attenzione a che cosa accade alla Camera e soprattutto ai numeri delle prime votazioni. Se dovesse avere un margine superiore a 80 voti (cioè se i no alla richieste delle opposizioni supereranno i sì di almeno 80 voti) potrebbe anche decidere di non mettere la fiducia spacchettata sull'Italicum, sentendosi comunque forte. Se al contrario il distacco tra i no e i sì fosse inferiore a 80, segno che le minoranze Pd fanno sul serio, a quel punto Matteo Renzi quasi certamente darà indicazione al ministro Maria Elena Boschi di porre la tripla fiducia segando così tutti gli emendamenti e i tanto temuti voti segreti.

Il presidente del Consiglio si gioca la battaglia finale. Una battaglia che lo sposta sempre più al centro. Ormai con Sel ha rotto tutti i rapporti, ma anche con la sinistra dem dei duri e puri alla Fassina e D'Attorre. Al centro, invece, c'è una prateria. Alfano e l'Ncd (De Girolamo a parte) temono le elezioni e puntano su Quagliariello ministro degli Affari Regionali (perciò si dimenticano i dubbi sulla legge elettorale), i centristi ex montiani di Scelta Civica sono di fatto integrati nel Pd e seguono le indicazioni dell'ex sindaco di Firenze, i verdiniani di Forza Italia (si dice circa quindici deputati) rimpiangono il Patto del Nazareno e contestano la nuova linea di opposizione di Berlusconi portata avanti alla Camera da Brunetta.

Di fatto Renzi sta ponendo le basi per la costruzione del Partito della Nazione, ovvero di una nuova Democrazia Cristiana. Una balena bianca centrista che alle prossime elezioni punti almeno al 40% dei voti. Il premier abbandona la sinistra di Sel e quella interna del suo partito, sperando che i big come l'ex capogruppo Speranza non vadano fino in fondo e alla fine si adeguino alle scelte della maggioranza del partito, e cerca nuovi consensi al centro, anche tra Forza Italia. Il segretario dem punta sulle elezioni regionali per sancire la svolta centrista e neo-democristiana, già iniziata con le sfide alla Cgil della Camusso e alla Fiom di Landini.

Tags:
renzi legge elettorale pd
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.