A- A+
Politica
Riforme, rientra l'autosospensione dei 14 senatori Pd

Hanno deciso di terminare l'autosospensione dal gruppo i 14 senatori che avevano preso questa iniziativa per contestare la decisione del gruppo Pd di sostituire Corradino Mineo e Vannino Chiti nella commissione Affari Costituzionali del Senato. Lo ha comunicato lo stesso Chiti al capogruppo Luigi Zanda. Ma nel merito, l'intenzione e' quella di insistere per un miglioramento del testo. Quindi niente passi indietro, si apprende, sulle proposte emendative che, se non saranno accolte in commissione, saranno ripresentate per l'esame dell'Aula.

La decisione e' stata presa al termine di una riunione che si e' tenuta stamattina e nella quale si e' ribadito il giudizio positivo sull'incontro avuto ieri con la presidenza del gruppo, nel corso del quale c'e' stato un chiarimento sul fatto che l'articolo 67 della Costituzione, che stabilisce l'assenza di vincolo di mandato per gli eletti, e' un principio sacro a cui non si puo' derogare.

Tags:
autosospensione pd
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Hannibal mette a fuoco l'Italia Meteo, temperature fino a 35°

Hannibal mette a fuoco l'Italia
Meteo, temperature fino a 35°


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.