A- A+
Politica

"Antonio, io ci sto" . Cosi', in una lettera pubblica inviata al sito di Rivoluzione civile, Sandro Ruotolo risponde all'invito lanciato via Twitter dall'ex procuratore di Palermo, Antonio Ingroia, confermando l'intenzione di candidarsi con la lista Rivoluzione Civile.

"Caro Antonio, accetto con entusiasmo la candidatura nella lista di Rivoluzione Civile che tu e Luigi De Magistris mi avete proposto", scrive il giornalista che da anni collabora con Michele Santoro. "Ci ho pensato e riflettuto dopo aver firmato l'appello io ci sto con il quale donne e uomini della societa' civile si sono impegnati a sostenere il progetto per costruire un alternativa di governo al berlusconismo e alle politiche liberiste del governo Monti. Non ho tessere di partito in tasca, l'unica che ho e' quella dell Anpi, dell'associazione nazionale dei partigiani, perche' penso al loro sacrificio ogni volta che sento pronunciare la parola Costituzione, la piu' bella del mondo come l'ha definita Roberto Benigni s i legeg ancora - Caro Antonio, non ho dubbi quando affermi di voler difendere i valori dei nostri padri costituenti. C'e' un articolo della carta costituzionale per il quale mi sono battuto in tutti questi anni e per il quale penso sia necessario battersi ancora: l'articolo 21, quello che garantisce la liberta' di pensiero, la liberta' di informare e di essere informati. C' e' bisogno di liberta' nel nostro Paese ma in gran parte del territorio nazionale questa liberta' vienepreclusa dalla presenza delle mafie e delle illegalita', dalle cricche che hanno impoverito la nostra terra. Penso alle parole di Norberto Bobbio che, dopo aver visto Samarcanda, scrisse che se non si era liberi in un piccolo paese del Sud non si era liberi nel resto del Paese".

"Caro Antonio, una studentessa di Scampia, il quartiere di Napoli dove i clan di camorra si combattono per il controllo dello spaccio di droga, qualche anno fa mi disse che lei non si sentiva libera, che era stanca di essere considerata cittadina di serie B. Lei dava un senso concreto alla parola di liberta' negata ricordandomi che non poteva uscire di casa per paura di una pallottola vagante. Penso - prosegue Ruotolo - alle migliaia di ragazze e ragazzi ai quali le mafie hanno tolto la bellezza dell innocenza. Il lavoro oggi e' negato ad intere generazioni. Quante imprese non investono e non producono ricchezza per le minacce della malavita o per le mazzette che sono costrette a sborsare ai politici corrotti? C'e' un altro diritto sancito dalla nostra Costituzione che voglio ricordare ed e' quello alla salute, alla difesa dell'ambiente. Rifiuti tossici nascosti illegalmente, discariche abusive a cielo aperto,inquinano oggi interi territori. Mafie e cattiva politica mettono a repentaglio la vita di milioni di cittadini. Caro Antonio, hai detto bene che occorre oggi sconfiggere la mafia e non solo contenerla. Ho grande rispetto per coloro che si impegnano nei partiti ma penso anche che i partiti che ci sono adesso non sono quelli a cui pensavano i nostri padri costituenti e che l'antipolitica sia figlia della cattiva politica. L'affermazione di Rivoluzione Civile puo' significare la nascita di un movimento che porti al rinnovamento generale dei partiti. Ho sempre pensato e detto che un giornalista deve essere indipendente. Lo penso anche ora che ho deciso di impegnarmi con te e con gli altri in questa battaglia. Con la passione di ognuno di noi. Ci sono questioni sulle quali vale la pena battersi. Mario Monicelli nell'intervista a 'Raiperunanotte' disse che ci voleva una bella rivoluzione che in Italia non c'era mai stata. Ti ricordi quando Libero Grassi diceva: cattivi politici producono cattive leggi, buoni politici, buone leggi? La presenza in Parlamento di Rivoluzione Civile potra' realizzare i sogni di Mario e di Libero".

Tags:
ruotoloingroiarivoluzione civile

i più visti

casa, immobiliare
motori
Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.