A- A+
Politica
Il piano di Ncd per il Centrodestra. "No ai tavoli"


"Non c'è dubbio. Renzi ha impresso alla politica italiana alcune caratteristiche nuove e anche soltalto l'avere introdotto il valore della velocità e della decisione democratica, in un mondo che cambia repentinamente, è una cosa positiva". Lo ha affermato l'ex ministro del Welfare Maurizio Sacconi in un'intervista video al direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino a margine del Festival del Lavoro di Fiuggi organizzato dai consulenti del lavoro.

Il paragone con Bettino Craxi è facile... "Chi come me è cresciuto politicamente con Bettino Craxi ricorda come in un altro momento di grandi cambiamenti fu apprezzato come leader che introdusse una maggiore accelerazione nella capicità decisionale", spiega Sacconi. "Ricordo - aggiunge - che la sinistra di allora lo criminalizzava ritenendo il decisionismo un disvalore. Oggi vedo che il mondo è cambiato. Bisogna riconoscere all'Ncd il merito di aver impedito la fine anticipata della legislatura già con il governo Letta, quando Berlusconi tolse l'appoggio, evitando il sommarsi di crisi istituzionale, economica e sociale con conseguenze difficilmente prevedibili".

Ma alle elezioni europee i risultati non sono stati molto brillanti... "Non si può campare solo di merito storico. Ma quel merito ci ha consentito di superare il 4% in una tornata elettorale che ha visto uno tsunami a favore di Renzi, motivato dalla paura di Grillo. E' quindi un miracolo se l'altra forza di governo è riuscita a sopravvivere. In futuro l'Ncd dovrà avere la capacità di lanciare le idee e la progettazione. Ho paragonato l'esperienza dell'Ncd a quella di Craxi negli anni '80 quando riportò il Psi a collaborare con la Dc, oggi sarebbe il Pd, ma allo stesso tempo lavorava per la realizzazione di una alternativa con un'impronta socialdemocratica moderata. Specularmente, tocca all'Ncd, partito minore dell'area liberl-popolare, guidare questa area verso una alternativa democratica per non restare nel dualismo Renzi-Grillo. La vera sfida è tra le due grandi famiglie europee: i socialisti di Renzi e i popolari di Alfano".

Non moriremo renziani diceva Alfano... "L'importante è che un giorno, il più tardi possibile, si possa morire democratici e liberi, più liberi di quanto non siamo ora. E nella logica della libertà si iscrivono tanto Renzi quanto Alfano. Tanto i socialisti se sviluppano l'attitudine al riformismo quanto i popolari".

Quindi è possibile un dialogo con Forza Italia? "Ipotizzare l'unità dei moderati non significa solo aprire il dialogo ma è anche un'operazione più profonda. Dobbiamo risvegliare l'ambizione e la speranza di un popolo che in questo momento ha in parte disertato le urne o ha addirittura votato Pd. E questo deve farci riflettere sulla responsabilità che abbiamo".

E il tavolo del Centrodestra? "Non credo ai tavoli. Innanzitutto serve una forte iniziativa da parte nostra per suscitare una discussione intorno a progetti e idee".

Tags:
sacconi
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.