A- A+
Politica
Scostamento di bilancio da 40 mld. Liquidità alle aziende per altri ristori

Il via libera del governo al nuovo scostamento di bilancio arriverà assieme all'ok al Def, previsto in un nuovo Consiglio dei ministri che dovrebbe essere convocato domani. Nella riunione di oggi, quindi, non c'è stato alcun voto in Cdm sul nuovo scostamento.

Il ministro dell'Economia Daniele Franco ha proposto in Consiglio dei ministri un nuovo scostamento di bilancio da 40 miliardi. La discussione tra i ministri sarebbe ora in corso, sia sulla cifra complessiva, che potrebbe dunque variare, sia sulla sua ripartizione in vista delle nuove misure di sostegno all'economia.Il Piano nazionale di rilancio e resilienza dovrebbe essere esaminato dal Consiglio dei ministri la prossima settimana. E' quanto si apprende da fonti di governo, secondo le quali il premier Mario Draghi ha scelto di convocare nei prossimi giorni i partiti per un confronto sul nuovo testo, prima dell'approdo in Cdm. E' un confronto che nelle prossime ore si svolgerà anche con gli enti locali: i singoli ministri interverranno sul Pnrr nella Conferenza unificata con Regioni, Comuni e Province oggi, domani e mercoledì 21. Infine, Draghi riferirà alle Camere lunedì 26 e martedì 27 aprile.

Altri 40 miliardi, da immettere nell'economia a stretto giro, per dare ossigeno alle imprese e preparare la ripartenza: il governo è pronto a chiedere il nuovo scostamento da circa due punti e mezzo di Pil, per garantire alle aziende la liquidità, per dare altri ristori - parametrati su due mesi anziché su uno solo - soprattutto a chi è stato chiuso per limitare i contagi - e per abbattere alcuni costi fissi, dall'Imu agli affitti, per i settori più danneggiati dall'emergenza Covid. Lo scostamento servirà anche a finanziare il fondo per le opere escluse dal Recovery ma che si vogliono comunque includere tra quelle prioritarie per i prossimi anni. L'operazione va di pari passo alla preparazione del Documento di economia e finanza, che disegnerà la cornice macroeconomica del prossimo triennio.

L'obiettivo resta comunque quello di chiudere questo capitolo entro la settimana, in modo da avviare l'iter per ottenere l'ok dal Parlamento e procedere con il decreto Sostegni bis. Ma anche per concentrarsi sulle ultimi dettagli del Recovery. Il Piano di fatto si sovrappone al Piano nazionale di riforma che i governi sono chiamati ad allegare ogni anno al Def, per indicare a Bruxelles i progetti delle riforme e rispondere alle raccomandazioni della Commissione per ogni Paese. L'orientamento è quindi quello di presentare un unico documento, il Pnrr appunto, appena sarà completato e illustrato al Parlamento, entro la fine del mese. Già con la relazione al Parlamento, però, dovrebbero arrivare prime indicazioni anche sul Recovery, visto che una quota del deficit aggiuntivo andrà a creare la dote per il Fondo "complementare" al Pnrr. Si tratterà anche in questo caso di un fondo pluriennale da circa 4-5 miliardi l'anno a partire dal 2022 e un primo finanziamento, forse di minore entità, già dal 2021. In tutto si oscilla tra i 20 e i 30 miliardi, cifra delle proposte in esubero indicata dallo stesso Ragioniere generale dello Stato Biagio Mazzotta qualche giorno fa. La Ue peraltro ha posto paletti ben precisi: i progetti, ad esempio, non devono superare l'orizzonte temporale del piano - il 2026 - e i fondi comuni non devono essere utilizzati per coprire spesa corrente, strutturale. La manutenzione delle strade, ad esempio, sarebbe una delle voci in bilico che potrebbe 'traslocare' al Fondo ad hoc. Anche altre voci del piano sono ancora in fase di studio (si starebbe ragionando, ad esempio, di rafforzare la dote per la banda larga), e dalla composizione dei vari capitoli di spesa dipenderà anche l'impatto positivo dei progetti sul Pil (il tendenziale dovrebbe essere fissato al 4,1% nel 2021 e al 4,3% nel 2022).

Un effetto lo avranno anche i 40 miliardi di nuovi aiuti: il pacchetto di misure è ancora in valutazione, e andrà coordinato con le modifiche al decreto Sostegni 1. I senatori sono intenzionati a difendere il loro ruolo e chiedono in particolare di poter intervenire su quelle misure che non hanno bisogno di operatività immediata. Con i 550 milioni a disposizione, insomma, si potrebbe prorogare fino alla fine dell'anno l'esonero dalla tassa sul suolo pubblico per bar e ristoranti che hanno tavolini all'aperto (una delle caratteristiche che potrebbe peraltro essere valutata nel calendario delle riaperture), che costa circa 140 milioni, e vorrebbero completare l'azione sui costi fissi con lo stop anche alla seconda rata Imu per gli alberghi e l'estensione dell'esonero anche alle attività della ristorazione (che costerebbe circa altri 450 milioni). Il rinnovo del credito di imposta per gli affitti dovrebbe invece arrivare con il decreto Sostegni bis che replicherà anche i ristori per chi ha avuto perdite sostenute. L'idea è quella di mantenere l'attuale meccanismo, che garantisce velocità nell'erogazione dei contributi grazie alla piattaforma Agenzia delle Entrate - Sogei, ma si starebbe valutando come "pesare" i nuovi ristori per vedere se si riesce a mirarli meglio verso le attività più colpite."Probabilmente già domani verrà approvato il Def con la previsione di uno scostamento ulteriore non inferiore a 40 miliardi". Lo ha ribadito il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, al question time alla Camera.  

Commenti
    Tags:
    scostamento bilancio 40 miliardi
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Wanda Nara vs la censura social Le nuove foto scaldano il web

    Belen, Diletta e.. scatti Vip

    Wanda Nara vs la censura social
    Le nuove foto scaldano il web

    i più visti
    in vetrina
    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter

    Lukaku, il Chelsea di Abramovic fa sul serio per strapparlo all'Inter


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    ACI protagonista al Giro d'Italia con la campagna "Rispettiamoci"

    ACI protagonista al Giro d'Italia con la campagna "Rispettiamoci"


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.