A- A+
Politica

"Il professore di matematica ce l'ha con me" -  raccontava un ragazzo alla madre - "E' una vera persecuzione, se siamo in dieci a  chiacchierare, la punizione tocca sempre a me... il voto più brutto è per me... rimprovera la classe e guarda me in malo modo...". E la mamma: "Figlio mio, devi adoperarti in tutti i modi di non dargli nessun appiglio, durante l'ora di matematica, tu non fiatare, cerca di studiare sempre, e se è vero che il professore ce l'ha con te, lo metterai nell'impossibilità di dare sfogo alla sua antipatia nei tuoi riguardi". Il ragazzo, era intelligente, ascoltò il consiglio materno, e non fu più rimproverato né punito. La stessa cosa accadde ad un ragazzo altrettanto intelligente e disposto ad ascoltare i consigli materni, però non riusciva a dominarsi, chiacchierare era più forte di lui, e studiava poco, perché non resisteva alla tentazione di uscire con gli amici, anche quando aveva i compiti da fare. Così, continuò ad essere rimproverato più degli altri, a ricevere punizioni e  voti peggiori degli altri alunni. Ora, dando per vero che Silvio Berlusconi da anni sia perseguitato dai giudici, la domanda è: come mai non ha fatto in modo da non offrire loro nessun appiglio? Eppure è persona intelligente. L'unica risposta possibile è che somiglia al secondo ragazzo: non riesce a dominarsi.

Renato Pierri
 

Tags:
berlusconiprocessi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.