A- A+
Politica

Il Pd si rafforza, passando dal 28% al 34%. Anche il Pdl appare in crescita, salendo dal 16% al 19%. Sono i dati dell'ultimo sondaggio Coesis Research pubblicato da Affaritaliani.it. Nello scenario politico emergono due nuovi soggetti: la Lista Monti, che si attesta al 7%, e Rivoluzione civile, di Antonio Ingroia, al 4%. Registra una tendenza negativa il Movimento 5 Stelle di Grillo che scende dal 18% al 16% e la Lega Nord, dal 6% al 4%. Anche l’Udc crolla, passando dal 6% al 5% e Sel, dal 5% al 4%. Anche il centro non se la passa bene con Fli e La Destra che registrano entrambe l’1% delle rpeferenze.

Coesis Research 1



Sta insomma avvenendo un processo di concentrazione. I due partiti principali, Pd e Pdl, oggi valgono il 53% dell’elettorato. C'è poi il un blocco centrista, che vale attorno al 13%. Infine l’area di contestazione 'grillina', intorno al 16%. Sommando questi blocchi, siamo all’82% del mercato. Il rimanente 18% si disperde su formazioni minori, nessuna delle quali si mostra veramente tonica: la Lega Nord, Sel, la stessa neonata Rivoluzione Civica si muovono tutte attorno alla soglia del 4%.

Coesis Research 2



In questo quadro, a oggi, l’opzione più probabile è la vittoria del centro-sinistra, probabilmente sia alla Camera che al Senato. È improbabile che l’asse Pdl-Lega vada molto oltre il 25%, così come è improbabile che l’area montiana superi il 15% (al pari di quella protestataria di Grillo). La probabilità è a favore di questo scenario: Pd 35%, Pdl-Lega 25%, Monti 15%, Grillo 15%. Totale formazioni maggiori: 90%. Il residuale 10% disperso su altre formazioni. Uno scenario in qualche modo 'tedesco', con 4 formazioni principali, nessuna delle quali destinata a essere veramente egemonica nel Paese (pur avendo ovviamente i numeri per governare in termini di maggioranza). Uno scenario interessante, che evidenzia che l’eterna transizione italiana è ancora lungi dal potersi considerare terminata.

Tags:
montibererlusconi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.