A- A+
Politica

di Nicolò Boggian

In questi giorni l’ennesimo smottamento dei Pil nazionale (-2,4% su base annua, un calo che si registra per il 7° trimestre consecutivo) dimostra quanto la politica, il nostro Governo e una parte del Paese non riescano a rinnovarsi per adattarsi ai cambiamenti imposti, rispettivamente, dall’Ue, dalla globalizzazione e soprattutto dal buonsenso.
La Bce ha rispedito al mittente le ipotesi di allentamento relative alle misure di rigore in bilancio imposte dall’Unione Europea e questo sembra aver fermato sul nascere le idee di quanti ipotizzavano di far ripartire la crescita emettendo nuovo debito.
A conti fatti, si riapre quindi il dibattito empirico circa l’uscita dall’Euro, anche se nei recenti sondaggi sono più di 2/3 gli italiani che sembrano respingere questa possibilità, infatti, i cittadini del Bel Paese sembrano aver ben compreso come tale eventualità possa comportare un impoverimento complessivo e altri problemi.
Anche chi è critico nei confronti delle misure impiegate dall’Unione Europea non può non riconoscere come la competizione tra Stati, imposta dalla stessa mediante regole finanziarie, economiche e industriali uguali per tutti, sia da ritenersi corretta, al di là di parametri specifici adottati per i mercati più poveri o per i Paesi in difficoltà.
Questa competizione tra Stati membri non solo è giusta, ma è anche uno strumento utile per meglio destreggiarsi nei pericoli e tra le opportunità della globalizzazione e, se usata bene, volge principalmente a vantaggio dei cittadini e delle imprese.
Uno stato più efficiente è, infatti, un vantaggio principalmente per i cittadini.
Tuttavia il nostro Stato e chi lo governa semplicemente stenta a comprendere che cittadini, capitali e imprese possano ormai scegliere dove andare, ignorando che per trattenere talenti, ricchezza e Pil servono fiducia, cooperazione, efficienza, innovazione, infrastrutture, poche regole certe e costi prevedibili.
Una volta garantiti questi servizi e condizioni allora si può pensare ad altre forme d’imposizione fiscale o a strumenti di finanziamento alternativi.
Lo Stato centrale, ammesso che così si possa chiamare, invece fatica a ottenere questa disciplina dalle singole parti del proprio corpo (Amministrazioni, Sistema Sanitario, Enti, Società partecipate e autorità garanti, per citarne alcune) dove si continua un “tutti contro di tutti”, mentre in parallelo si combatte per tutelare la propria posizione personale anziché rispondere concretamente ai bisogni del cittadino.
Continuano a prevalere quindi i soliti formalismi burocratici e abitudini di maniera che tutelano alcuni senza pensare veramente alla collettività, in una continua caccia all’ultimo finanziamento e all’ultimo posto di lavoro.
Un’ampia fetta della classe manageriale dell’industria e della finanza italiana continua non solo nella difesa dell’esistente, ma pensa anche di utilizzare ampie parti della struttura economica esistente per progettare lo sviluppo nel futuro.
Quest’idea mi sembra poco produttiva per la realizzazione concreta dei progetti, oltre che poco giusta.
Ci siamo scordati gli sprechi e le inefficienze dello Stato imprenditore? Non sarebbe meglio utilizzare le risorse per iniziative rivoluzionarie e per offrire a una nuova leva d’imprenditori, manager e professionisti la possibilità di cimentarsi con i problemi del Paese anziché la vecchia classe imprenditoriale privata?
In un Paese che non innova e in cui stentano a vedersi imprese, start up e dinamismi innovativi continua un certo atteggiamento dei leader a chiudersi in una casta autoreferenziale che soffoca lo sviluppo.
Viceversa, aspettiamo che atteggiamenti meno snob, proiezione al futuro, più fiducia e cooperazione si diffondano nella classe dirigente per generare quel ritorno alla crescita di cui abbiamo sempre più bisogno.
 

Tags:
stato mercato ue
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.