A- A+
Politica
Stefania Ariosto: "Non andrei più dai giudici ad accusare Berlusconi"

In un'intervista al settimanale OGGI, in edicola da domani, Stefania Ariosto, la teste Omega che innescò le indagini chiuse con la condanna di Cesare Previti nei processi Imi-Sir e Lodo Mondadori, afferma: "No. Non andrei mai più dai magistrati ad accusare Berlusconi e i suoi avvocati. Per nessuna ragione al mondo. La mia vita è stata rovinata per sempre".

La Ariosto parla anche del libro che il suo ex fidanzato e legale di Berlusconi Vittorio Dotti ha da poco dato alle stampe: "Non voglio certo difendere Silvio, gli sono costata più dell'ex moglie Veronica, alla fin fine. Ma Vittorio si è comportato male con lui. Non è stato leale… Come mai Dotti è rimasto in silenzio per tanti anni e se ne esce proprio ora con presunte rivelazioni, che tali non sono, perché ormai tutti sanno tutto sugli affari dell'ex premier?"

Aggiunge la Ariosto su Dotti: "È un calcolatore. Tutt'altro che stupido. Solo totalmente arido. Io preferisco uno come Marcello Dell'Utri, che sarà stato pure in combutta con la mafia, secondo i giudici. Però con me si è sempre comportato in modo affettuoso".

E di sé dice: "In quasi vent'anni hanno cercato di tutto, per distruggermi, infangarmi, demolirmi. Non hanno mai trovato niente. Soltanto di recente sono incappata in una piccola disavventura giudiziaria, e ne uscirò a testa altissima (è indagata per simulazione di reato, ndr). Ma subito gli avvoltoi si sono avventati. La mia unica conclamata "debolezza" è la passione per il gioco, per il tavolo verde. Ma non è assolutamente una dipendenza; è un piacere, che rivendico, come può esserlo il cibo o il vino".

E conclude amaramente: "Lo Stato non fa nulla per aiutare i cittadini che collaborano con la giustizia. Anche la cosiddetta società civile s'è eclissata. Intorno a me, il vuoto. A destra e a sinistra. Ecco perché trovo retorico l'appello di Matteo Renzi a denunciare ogni tipo di illegalità. Io sono stata abbandonata. I giornali di Berlusconi mi hanno bersagliato senza requie. Mi son rimasti pochi amici fidati. Ho preso addirittura una seconda laurea. In Legge, ovviamente. Per potermi difendere meglio. Ho scritto una tesi sul soggetto espropriato. È così che mi sento. Una persona spogliata (quasi) di tutto. Ho pagato un pezzo troppo alto".

 

Tags:
stefania ariosto
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.