A- A+
Politica
ottaviano delturco 500

Il Tribunale di Pescara ha condannato l'ex governatore della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco, a 9 anni e 6 mesi di reclusione, nell'ambito del processo "Sanitopoli". L'ex esponente politico era stato arrestato il 14 luglio 2008, per un caso di presunte tangenti nella sanità privata abruzzese.

Il pm aveva chiesto una pena di 12 anni. Erano in tutto 27 gli imputati a giudizio (25 persone e due società), per reati dall'associazione per delinquere, alla corruzione, all'abuso, alla concussione, al falso.

Fra loro anche l'ex patron della casa di cura privata "Villa Pini", Vincenzo Maria Angelini, "il grande accusatore", che diede inizio alla videnza con le sue rivelazioni ebbe inizio la vicenda.

L'imprenditore, che nel processo è sia imputato sia parte lesa, dichiarò ai magistrati di aver pagato tangenti per circa 15 milioni di euro, in cambio di agevolazioni, ad alcuni amministratori pubblici regionali di centrosinistra e di centrodestra, tra questi appunto l'ex governatore dell'Abruzzo
 

Tags:
del turco
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema

Giornata Api, Lamborghini impegnata per la salvaguardia dell’ecosistema


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.