A- A+
Politica

ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE L'UDC D'ALIA
Gianpiero D'Alia, ministro della Pubblica amministrazione e della Semplificazione del Governo formato da Enrico Letta, e' nato a Messina il 22 settembre 1966.E' un avvocato cassazionista, sposato con un figlio. Attualmente e' vice capogruppo vicario di Scelta Civica alla Camera dei Deputati e segretario regionale dell'Udc in Sicilia. Dopo diversi anni di impegno politico come amministratore comunale di Messina, viene eletto alla Camera dei deputati per la prima volta nella XIV Legislatura (2001). Durante il mandato e' stato, fra l'altro, segretario del Comitato per la legislazione e della Giunta per le elezioni E' stato Sottosegretario all'Interno, nel terzo governo Berlusconi, in quota UDC. Nel 2008 e' stato eletto al Senato e diventa presidente del gruppo parlamentare Gruppo UDC, SVP e Autonomie. Alle ultime politiche e' stato rieletto alla Camera dei Deputati.


MAURO, ALLA DIFESA UN CATTOLICO NEL SEGNO UE
Da Comunione e Liberazione al Pdl, da Berlusconi a Monti. La parabola di Mario Mauro, all'anagrafe Mauro Walter Mauro, e' all'insegna dell'impegno politico ispirato ai valori cattolici. Il ministro della Difesa del governo Letta nasce il 24 luglio del 1961 a San Giovanni Rotondo, in Puglia e si laurea in filosofia all'Universita' Cattolica del Sacro Cuore. Si iscrive a Forza Italia dove diventa responsabile nazionale per la scuola e l'universita'. Viene eletto per la prima volta nel 1999 al Parlamento Europeo, nella lista di Forza Italia, e si iscrive al Gruppo Popolare Europeo. Viene rieletto, sempre con Forza Italia, anche nel 2004 diventando uno dei 14 vicepresidenti dle Parlamento europeo nella legislatura 2004-2009. Nel 2009 nuova candidatura e nuova elezione, stavolta con il Pdl, nato dalla fusione di Forza Italia e Alleanza Nazionale. Mauro Viene proposto da suo partito alla presidenza del parlamento europeo, ma non ottieme il successo sperato. Nello stesso anno, pero', comincia la sua attivita' di rappresentante personale delle presidenza dell'Ocse contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione dei cristiani e delle altre religioni. Il gennaio 2013 segna l'uscita dal Pdl per entrare in Scelta Civica, la nuova forza politica fondata dal premier Mario Monti e nella quale va a ricoprire il ruolo di capogruppo al Senato. Il passaggio a Scelta Civica coincide con le dimissioni ufficiali da Capo Delegazione del PdL all'Europarlamento e dal Partito, criticando duramente la ricandidatura a Premier da parte di Silvio Berlusconi e la rinnovata alleanza con la Lega Nord. Il discorso di Mauro e' stato lungamente applaudito da tutti gli esponenti del Partito Popolare Europeo. Il 30 marzo 2013 viene nominato dal Quirinale, membro del gruppo di lavoro per le proposte programmatiche in materia istituzionale.

MASSIMO BRAY, DALLA TRECCANI AL MIBAC 
Neodeputato, dopo una vita all'Enciclopedia Treccani. Massimo Bray, nuovo ministro dei Beni Culturali, e' nato a Lecce l'11 aprile 1959, ha studiato a Firenze, vive a Roma. Dopo la laurea in Lettere e Filosofia, conseguita nel 1984 e un itinerario da borsista a Napoli, Venezia, Parigi, Simancas, nel 1991 entra all'Istituto della Enciclopedia Italiana fondato da Giovanni Treccani, come redattore responsabile della sezione di Storia moderna dell'Enciclopedia La Piccola Treccani. Non lascera' piu' l'Istituto: nel 1994 ne diviene il direttore editoriale. In questo ruolo, ne ha seguito l'apertura al web. Il progetto di definire l'Enciclopedia degli italiani online e' il modo di interpretare la missione della Treccani nel XXI secolo. La scelta e' quella di mettere a disposizione di un numero sempre maggiore di utenti un patrimonio di conoscenza di alta qualita'; la convinzione e' che il nostro Paese debba elaborare nuove forme di gestione del patrimonio culturale, coniugando la forza dei contenuti con le innovazioni tecnologiche. Massimo Bray e' anche direttore responsabile della rivista edita dalla Fondazione di cultura politica Italianieuropei, che ha tra i suoi principali obiettivi quello di elaborare analisi e riflessioni pubbliche sui nodi cruciali dell'innovazione politica ed economica europea. La fondazione e' un luogo di incontro tra le diverse tradizioni culturali del riformismo italiano. Presiede il consiglio d'amministrazione della Fondazione La Notte della Taranta, che organizza il piu' grande festival europeo di musica popolare, dedicato al recupero della pizzica salentina e alla sua fusione con altri linguaggi musicali, dalla world music al rock, dal jazz alla sinfonica. Grazie al lavoro del gruppo di competenze che gestisce la Fondazione e soprattutto alla straordinaria coralita' dei talenti musicali coinvolti nell'Ensemble Notte della Taranta, il festival e' divenuto, negli anni, un riconosciuto modello culturale che, di edizione in edizione, non cessando di produrre nuove forme di elaborazione artistica, ha cominciato a produrre interessanti economie per il territorio.

CARLO TRIGILIA, UN SOCIOLOGO MINISTRO PER LA COESIONE
Carlo Trigilia e' il nuovo ministro per al Coesione territoriale. Sociologo, e' professore ordinario di sociologia economica nella facolta' di Scienze Politiche Cesare Alfieri dell'Universita' di Firenze, si legge nella biografia ufficiale dell'istituto. E' presidente del corso di laurea in Analisi e politiche dello sviluppo locale e regionale e direttore del Centro Europeo di Studi sullo Sviluppo Locale e Regionale. Ha insegnato nelle Universita' di Palermo e di Trento ed e' stato Lauro De Bosis professor alla Harvard University. E' stato direttore ed e' membro del comitato editoriale della rivista "Stato e Mercato", e del comitato editoriale di "Sviluppo locale". E' socio del Consiglio Italiano per le Scienze Sociali (CSS) e presidente della Fondazione RES / Istituto di Ricerca su Economia e Societa' in Sicilia. Collabora a Il Sole 24ore.

 

ANDREA ORLANDO, NUOVO MINISTRO DELL'AMBIENTE 
Andrea Orlando, nuovo ministro dell'Ambiente, e' uno degli esponenti di punta tra i "quarantenni" del Pd. Nato alla Spezia l'8 febbraio 1969, dal 2008 e' portavoce nazionale del Partito Democratico e deputato alla Camera dei Deputati. Giovane, ma una carriera gia' ultraventennale: nel 1989 diventa segretario provinciale della FGCI e l'anno successivo viene eletto nel consiglio comunale della Spezia con il PCI; in seguito allo scioglimento del Partito Comunista Italiano, verra' rieletto con il PDS,di cui diviene capogruppo nel consiglio comunale della sua citta' nel 1993; nel 1995 diventa segretario cittadino del partito, nel 1997, primo degli eletti in consiglio comunale, e' nominato assessore dal Sindaco Giorgio Pagano, prima alle attivita' produttive e poi alla pianificazione territoriale, incarico che svolge sino alle elezioni del 2002. Nel 2000, entra a far parte della segreteria regionale come responsabile degli enti locali dei DS e nel 2001 diventa segretario provinciale; poi, nel 2003, e' chiamato alla Direzione nazionale del partito da Piero Fassino, prima con il ruolo di viceresponsabile dell'organizzazione, poi come responsabile degli enti locali (2005) e ancora, nel 2006, come responsabile dell'organizzazione entra a far parte della segreteria nazionale del partito. Nel 2006 si presenta alle Elezioni politiche del 9 e 10 aprile venendo eletto nelle liste dell'Ulivo nella X circoscrizione (Liguria). Allo scioglimento dei DS, nel congresso dell'aprile del 2007, segue la linea della maggioranza del partito e del segretario e confluisce quindi nel Partito Democratico, diventandone il responsabile dell'organizzazione. Alle politiche del 2008 viene rieletto per il Partito Democratico alla Camera nella circoscrizione Liguria, diviene membro della commissione Bilancio della Camera e componente della Commissione parlamentare Antimafia, ed il 14 novembre 2008 e' nominato portavoce del Partito Democratico da Walter Veltroni, incarico confermato da Dario Franceschini. Nel novembre del 2009 Pier Luigi Bersani, neoeletto segretario nazionale del Pd, lo nomina presidente del Forum giustizia del Partito. Nel gennaio 2011 Bersani lo nomina commissario del PD di Napoli.

ALL'INTEGRAZIONE LA KYENGE, PRIMO MINISTRO DI COLORE
E' Cecile Kyenge il nuovo ministro per l'Integrazione. Una donna, originaria del Congo, e una nomina dal forte impatto simbolico, visto che la signora Kyenge e' la prima persona di colore titolare di un dicastero in un governo del nostro Paese.

ZANONATO,SINDACO DI LUNGO CORSO INIZIO' NEL PCI
Flavio Zanonato, sessantatre' anni a luglio, e' sindaco di Padova (per il terzo mandato) esponente del Pd con un passato nel Pci di cui fu in gioventu' segretario provinciale. "Sono cresciuto - dice di se' - nel quartiere di via Palestro e provengo da una famiglia operaia di forti ispirazioni cattoliche". La sua carriera politica prosegui' a Roma alla direzione nazionale del partito come responsabile del settore immigrazione e emigrazione approfondendo soprattutto le realta' internazionali dell'Europa e dell'America Latina. Divenne per la prima volta sindaco di Padova nel '93, poi nel 1995 e nel 2004. Dal 2000 al 2004 fu consigliere regonale per i Democratici di Sinistra. "Non mi occupo solo di politica, sono un lettore vorace, un appassionato di materie scientifiche, di storia e di filosofia" scrive Zanonato nel suo blog ufficiale. "Nel tempo libero mi piace giocare a scacchi, andare al cinema, in bicicletta e ho una forte passione per la montagna". Zanonato e' sposato da oltre trent'anni, ha un figlio che fa l'avvocato e una nipotina.

CHI E' JOSEFA IDEM, UN'OLIMPIONICA MINISTRO SPORT
Nata in Germania ma ormai ravennate 'ad honorem', la neoministra dello Sport Josefa Idem ha 49 anni. E' nata a Goch, in Germania, il 23 settembre del 1964. Sposata con il suo allenatore Gugliemo Guerrini, due figli, e' cittadina italiana dal 1990, e' stata campionessa mondiale e olimpica nella specialita' del kayak individuale. Ha vinto 35 medaglie tra Olimpiadi, mondiali ed europei. E' la prima e unica donna nella storia della canoa italiana ad avere vinto sia un campionato mondiale sia un'Olimpiade. Alle ultime elezioni e' stata candidata al Senato dal Pd, capolista in Emilia Romagna.

ENRICO GIOVANNINI, AL LAVORO 'MAESTRO' DELLE STATISTICHE
Enrico Giovannini, 56 anni, e' il nuovo ministro del Lavoro. Presidente dell'Istat dal 4 agosto 2009 e durante il governo di Mario Monti e' stato a capo della Commissione governativa incaricata di esaminare i redditi dei titolari di cariche pubbliche in sei dei principali stati europei, incarico da cui si e' dimesso nel luglio 2011. E' finito sotto i riflettori proprio in questi giorni, dopo essere stato nominato nel gruppo di lavoro socio-economico dei 10 saggi nominati da Giorgio Napolitano.

MARIA CHIARA CARROZZA, UN RETTORE ALL'ISTRUZIONE
Nata a Pisa, 48 anni a settembre, Maria Chiara Carrozza e' laureata in fisica ed e' stata eletta nelle file del Pd, capolista per la Camera in Toscana. Prima di candidarsi, era dal 2007 rettore della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa dove insegna Bioingegneria all'istituto di Biorobotica. Dopo la laurea a Pisa nel 1990, quattro anni dopo ha conseguito il PhD in Ingegneria. E' membro delle societa' scientifiche IEEE Society of Engineering in Medicin e and Biology (EMB) e della IEEE Society of Robotics and Automation (R&A). Alla Scuola Sant'Anna ha tenuto corsi interni di Neuro-Robotica, Fondamenti di Robotica Umanoide, Criteri di progettazione di mani artificiali, Robotica umanoide, Neuroscienze e Robotica. All'Universita' di Pisa, nel corso di laurea specialistica in Ingegneria Biomedica, ha tenuto corsi di Biomeccatronica, (2003-2006), e di Bioingegneria della riabilitazione (2004-2008). Ha insegnato anche al Campus Biomedico di Roma ed e' Visiting Professor alla Technical University of Vienna, Austria. Ha tenuto corsi e seminari in diverse universita' straniere, tra cui la Salford University in Gran Bretagna, la Waseda University a Tokyo, la KAIST Daejeon in Corea e all'Mit di Boston.

 ANNA MARIA BERNINI, L'AVVOCATO CHE GUIDERA' LE POLITICHE COMUNITARIE
Anna Maria Bernini Bovicelli (Bologna, 17 agosto 1965) è una politica e avvocato italiana. Esponente de il Popolo della Libertà, è stata Ministro per le Politiche Europee del Governo Berlusconi IV. Figlia dell'ex parlamentare Giorgio Bernini, che fu ministro nel primo governo Berlusconi, Anna Maria Bernini è avvocato civilista e amministrativista nonché professore associato di Diritto pubblico comparato nell'Università degli Studi di Bologna. E' stata, tra gli altri, avvocato di Nicoletta Mantovani, vedova di Pavarotti. Nelle elezioni politiche del 2008 è stata eletta alla Camera dei deputati per il Popolo della Libertà, come esponente di Alleanza Nazionale. È stata poi nominata vice portavoce vicario del partito. Il 29 gennaio 2010 viene ufficializzata la candidatura della Bernini alle elezioni regionali dell'Emilia-Romagna, in sostituzione di Giancarlo Mazzuca. Nel marzo successivo, come candidata del centro destra alla presidenza della Regione, ottiene il 36,7%. Il 27 luglio 2011 viene nominata Ministro per le Politiche Europee del governo Berlusconi IV, posto vacante dal 15 novembre 2010 a seguito delle dimissioni di Andrea Ronchi

MOAVERO MILANESI AGLI AFFARI UE 
Nato a Roma, nel 1954, sposato, con tre figli, Enzo Moavero Milanesi, ministro per gli Affari Europei del Governo Monti e' laureato in giurisprudenza con lode, all'Universita' La Sapienza di Roma con una tesi in diritto commerciale. Procuratore legale. Si e' specializzato in diritto comunitario ed europeo (College d'Europe, Bruges). Prima di assumere l'incarico di Ministro nel 2011, era dal 2006, giudice e poi Presidente di Sezione presso il Tribunale dell'Unione Europea (Corte di Giustizia dell'Unione Europea), a Lussemburgo. Ha lavorato, per oltre venti anni, alla Commissione europea, a Bruxelles, dove e' entrato come funzionario, a seguito di un concorso pubblico. Nel corso della carriera, e' stato fra l'altro: Capo di Gabinetto del Vice Presidente; Capo di Gabinetto del Commissario per il Mercato Interno, per la Fiscalita' e per la Concorrenza; Direttore della Direzione Antitrust 'Servizi'; Segretario Generale aggiunto della Commissione; Direttore Generale dei Policy Advisors del Presidente della Commissione (BEPA). In Italia, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri (1993-1994), ha guidato la Segreteria per gli Affari Comunitari del Presidente del Consiglio ed e' stato membro del Comitato degli esperti per il Programma di Governo e del Comitato tecnico del CIPE per il coordinamento della politica economica nazionale con quella comunitaria. Ha insegnato Diritto Comunitario e dell'Unione Europea, in particolare diritto della concorrenza (College d'Europe, Bruges; Universita' Bocconi e LUISS). E' autore di svariate pubblicazioni scientifiche, fra le quali tre libri: uno sulla disciplina antitrust delle concentrazioni fra imprese; uno di lezioni di diritto comunitario; e uno sulla tutela della libera concorrenza nell'Unione europea. Fa parte del comitato di direzione di riviste giuridiche italiane ed estere; e' membro fondatore del comitato di direzione del Journal of European Competition Law and Practice (Oxford University Press).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lettaministrigoverno
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.