Usa/ Obama prenota un biglietto per Cuba. E Raùl lo attende a braccia aperte...

Mercoledì, 14 gennaio 2009 - 20:40:00


Panico a Cuba e gioia a Miami dopo che il presidente venezuelano Hugo Chàvez ha fatto sapere che l'ex presidente cubano non apparirà mai più in pubblico. Ma è giallo.

Bookmaker scatenati su Obama/ La prima mossa? Il ritiro delle truppe americane dall'Iraq. Scommesse sulla prova dell'esistenza degli alieni

E ora Obama sia il presidente del mondo intero... Di Silvio Ceci

Usa/ Una poesia e un hotel extra-lusso. Così sarà la festa di Obama President. E su Guantanamo...

Usa/ Dieci balli per Obama. Tutto pronto per il giuramento del presidente Usa

Usa/ Bush: un attacco in patria è la prima minaccia per Obama 

Usa/ Obama come Spiderman, eroe nei 'comics'

E Obama diventa di cera. La statua nel Madame Tussauds di Londra

Usa/ Super-Obama a torso nudo alle Hawaii

Usa/ Time: Obama uomo dell'anno 2008. Seguono Paulson, Sarkozy e Palin

Usa/ Obama in treno a Washington per l'insediamento

Usa/ Monica Lewinsky nel team di Obama. Trema Michelle...

Un allentamento graduale delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti è già in corso ma il salto di qualità potrebbe arrivare proprio con il 44esimo presidente Usa. Obama infatti potrebbe passare per la seconda volta alla storia. Si rafforza sempre di più la possibilità che il neo-presidente possa viaggiare a Cuba. I presupposti ci sono, Fidel prima e Raùl dopo hanno aperto su un possbile dialogo, e Barack sta già sondando il terreno.

Entrando alla Casa Bianca martedì prossimo, Barack potrà beneficiare delle stesse condizioni propizie che hanno mosso Kennedy, Ford, Carter e Clinton verso migliori relazioni con Cuba. A scriverlo è il quotidiano 'Los Angeles Times', rilevando che è ora di un cambiamento per la politica americana nei confronti dell'isola, proprio come accadde nel 1972 con la Cina, quando Richard Nixon annunciò il suo viaggio. "Un viaggio a Cuba di Obama non sarebbe meno storico", si legge.

Il mese di gennaio segna non solo il 50mo anniversario della rivoluzione cubana, ma anche l'anniversario della rottura formale delle relazioni tra Washington e l'Avana, il 3 gennaio del 1961. "Forse per la prima volta nell'ultimo mezzo secolo", sottolinea il quotidiano, tutto sembra propizio a "permettere a Obama di sciogliere il nodo gordiano che ha assillato tanti dei suoi predecessori".

Ricordando il "relativo successo" ottenuto dal senatore dell'Illinois tra gli elettori di origine cubana, ovvero il 35% in Florida, rispetto al 25% dei consensi andati a John Kerry nel 2004, il quotidiano rileva che in campagna elettorale Obama si è impegnato ad incontrare Raul Castro, fratello minore e più pragmatico di Fidel, che "si astiene dalla retorica anti-Usa" e che "ha offerto il dialogo in più occasioni". "I summit necessitano di una preparazione accurata, certo -si legge- ma Obama dovrebbe mantenere il suo impegno il prima possibile".

NUOVE RELAZIONI CON L'AMERICA LATINA. Pochi giorni fa Obama ha incontrato il presidente del Messico Felipe Calderon. "Questo è l'inizio di un legame più forte e costruttivo", ha dichiarato il presidente messicano. Che tradotto vuol dire: c'è l'intenzione di Obama di impostare nuove e più solide relazioni con tutta l'America Latina. Trascurata dall'amministrazione di George W. Bush.

Intanto Barack Obama manda segnali di apertura a Cuba. Attraverso Hillary Clinton, futuro segretario di Stato, il prossimo presidente degli Stati Uniti ha fatto sapere di essere orientato a rimuovere le restrizioni per i viaggi a Cuba delle famiglie degli esuli che dagli Usa vogliono recarsi a visitare i parenti sull'isola.

Obama, ha detto la Clinton nel corso della sua deposizione in Senato per la conferma alla guida della diplomazia, "ritiene che i cubani-americani siano i migliori ambasciatori di democrazia, libertà ed economia di libero mercato" e vuole quindi rendere possibili loro viaggi a Cuba. Hillary ha esortato nello stesso tempo Raùl Castro e il governo dell'Avana a compiere passi nella stessa direzione, mostrando la disponibilità a liberare prigionieri politici e a permettere scambi economici.

Quella di ammorbidire le restrizioni per le famiglie su viaggi e spostamenti di denaro è una promessa che Obama ha fatto durante la campagna elettorale, ma il nuovo presidente nei mesi scorsi ha anche ribadito che intende mantenere l'embargo quasi cinquantennale contro Cuba, per continuare a far pressione sul regime castrista e obbligarlo a concedere maggiore democrazia. Varie realtà che seguono da vicino l'evolversi dei rapporti tra Usa e Cuba stanno esortando Obama a compiere gesti di svolta.

0 mi piace, 0 non mi piace


Titoli Stato/ Collocati 6,5 mld Btp, tassi a minimi record
Riforme/ Guerini (Pd): verso elezione indiretta Senato
Alitalia/ Uilt, non arrivata lettera da Etihad
Riforme/ Renzi: se non si trova sintesi pronto a passo indietro
Milan/ Berlusconi: vendita club fantasia altrui
Mps/ Grillo: questa e' la mafia del capitalismo
Mps/ Grillo, facciamo casino per fare un po' di trasparenza
Berlusconi/ Vede foto Merkel e dice "Aridatece Kohl"
LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME

LA CASA PER TE

Trova la casa giusta per te su Casa.it
Trovala subito

Prestito

Finanziamento Agos Ducato: fai un preventivo on line
SCOPRI RATA

BIGLIETTI

Non puoi andare al concerto? Vendi su Bakeca.it il tuo biglietto
PUBBLICA ORA