Vendola : “Ho rivoltato la Puglia come un calzino, ora tocca all'Italia…”

Pensava di parlare tra la sua gente, a Mesagne, la città della piccola Melissa, la bambina uccisa a maggio dall'esplosione di una bomba davanti a scuola. E forse per questo Nichi Vendola ha usato toni così forti e netti, quasi un discorso di investitura. Invece il clamoroso discorso del governatore, col quale lancia la scalata alle primarie, è stato filmato dal direttore di Affaritaliani.it Angelo Maria Perrino col suo implacabile iPad. Dopo la Puglia l'Italia. E' questo il senso dell'intervento del governatore che descrive le sue conquiste alla guida della Regione e tratteggia il programma per rilanciare il Paese. Riforma del lavoro in primis, ripristinando i diritti degli sfruttati e dei precari. Tutela del territorio e rilancio dell'economia. “Sul lavoro si fonda la civiltà democratica, chi non la pensa così non si può dire di sinistra", spiega Vendola ad una platea affascinata. "Voglio tornare sulla ribalta nazionale solo per rompere la gabbia della precarietà e dare un futuro ai giovani".

nichi vendola
                            Guarda l'iPerr video-reportage

"Mi sono portato dietro come un ombra il pregiudizio di chi diceva: ma quello è un poeta, la prova del governo lo vedrà fallire, si deprimerà, se ne vorrà tornare a Roma", esordisce Vendola davanti alla platea gremita di gente. "Per me è stato complicato abbandonare la politica pura e mettermi a studiare l'organizzazione dei tombini, delle fogne, cercare di guardare alla mia Regione per darne degli obiettivi. Ce la facciamo in decennio a rivoltarla come un calzino? Sì, ci siamo riusciti".



Il più grosso successo per Vendola è stato quello di aver trasformato la Puglia in una regione a forte vocazione  turistica, ma non solo, anche aver lanciato settori industriali inediti, come quello dell'aerospazio. L'economia, il pallino del governatore, che ha puntato sull'innovazione, ma anche sull'agricoltura e soprattutto sui giovani. "Abbiamo investito 820milioni di euro di sostegno alle imprese. Finanziamenti legati però ai processi di innovazione, internazionalizzazione e di ecosostenibilità". E il governo sottolinea l'importanza di guardare al futuro:  "La Puglia ha puntato molto sull'innovazione. Perché l'innovazione non significa mettere degli strani robot in fabbrica che ci rubano il lavoro, ma migliorare la vita di tutti, significa per rinviare l'appuntamento con la morte e abbattere le barriere tra le persone".
 

"E TU CHE CI FAI QUI?"

Alla fine dell'intervento, mentre sta parlando con alcuni sostenitori nel backstage, Vendola scorge stupito il direttore Perrino e lo saluta con un "E tu che ci fai qui?". IL VIDEO

 

Poi parla di lavoro. Forse l'argomento che gli sta più a cuore e a cu dedica la maggior parte del suo intervento: "C'è stato un momento di conflitto col governo Berlusconi, in particolare con il ministro Tremonti. Mi ha detto in una burrascosa telefonata che la mia battaglia per la stabilizzazione dei lavoratori era una 'infezione rivoluzionaria' e che loro avrebbero fatto di tutto per bloccare il cattivo esempio. Io ho cercato di fargli capire che molti precari lavoravano nell'illegalità e alla mercé della criminalità. Come fai a far lavorare nella precarietà se sei un medico o un infermiere. Ma per lui non era possibile, ogni tentativo di stabilizzazione ha prodotto una piccola grande odissea".

Ed è questo il tema centrale, perché per Vendola sul tema del lavoro è la vera discriminante tra destra e sinistra: "Sul lavoro si fonda la civiltà democratica, chi non lo pensa così non si può dire di sinistra. La destra pensa che ci debba essere subordinazione, silenzio, precarietà, l'ordine di chi ha nelle proprie mani i rapporti di produzione". E proprio per questo Vendola ritorna sull'iniziativa referendaria lanciata da Sel e dall'Idv.  "Io voglio tornare sulla ribalta nazionale solo per rompere la gabbia della precarietà del lavoro. Ed è per questo che abbiamo presentato i referendum con di Pietro, per cancellare lo sfregio che è stato fatto all'art.18 dello statuto dei lavoratori. I diritti fondamentali non possono essere indennizzati con qualche elemosina".

"L'altro referendum impedisce a Sergio Marchionne di essere il vero capo dell'Italia, cioè uscire fuori dal Contratto collettivo nazionale del lavoro", spiega Vendola dal palco della festa di Mesagne. "Oggi è concesso a tutti a non rispettare i contratti di lavoro. Ma quella del lavoro è una battaglia che riguarda la sacralità della vita".

Poi una frecciatina a Grillo: "State lontani dagli urlatori, dai demagoghi, da quelli che parlano con odio e fanatismo. Noi abbiamo bisogno delle passioni buone non di quelle tristi. Vogliamo sentimenti, non risentimenti".

Alla fine della serata, tra gli applausi della gente, Vendola spiega come ha avuto origine il nome del partito: "Sinistra è la storia della povera gente che ha camminato a schiena dritta per condizioni di emancipazione sociale. Ecologia significa custodire la terra data da Dio ad Adamo. Libertà, non quella nostra, ma quella vera, che comincia da quella di tutti. E oggi i giovani non sono liberi, perché hanno uno sputo al posto del futuro".


Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Abiti sartoriali da Uomo, Canali

Dal 1934 Canali realizza raffinati abiti da uomo di alta moda sartoriale. Scopri la nuova collezione Canali.

In evidenza

Ascolti, Isola dei Famosi top Harry Potter batte Floris

I sondaggi di

Secondo te, chi ha maggiori possibilità di sconfiggere Matteo Renzi alle prossime elezioni politiche?

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it