A- A+
Politica

Assunzioni in cambio di voti: questa la contestazione che la Procura di Catania muove all'ex presidente della Regione siciliana, Raffaele Lombardo, e a suo figlio Salvatore, eletto deputato all'Ars alla regionali del 28 ottobre dell'anno scorso. Ai due sono stati notificati gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari, come rende noto stamattina un comunicato della Procura. Secondo i magistrati, in occasione delle regionali, per ottenere voti in favore di Salvatore Lombardo, detto Toti, fu promesso a Ernesto Privitera Ernesto e a Angelo Marino un impiego lavorativo in favore dello stesso Marino e di Giuseppe Giuffrida. Quest'ultimo in seguito fu effettivamente assunto. Con Lombardo padre e figlio sono indagati anche Giuffrida, Privitera e Marino. I fatti sarebbero stati commessi a Catania il 18 marzo 2013.

Tags:
voto scambio
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.