A- A+
PugliaItalia
aeroportobari

Aeroporti di Puglia tiene la rotta e mantiene la quota volo, confermando le stime ipotizzate qualche settimana fa sull'andamento passeggeri del 2012, nonostante la flessione generale registrata non solo in Italia, ma in tutta Europa.

Nel 2012 il traffico passeggeri sugli aeroporti di Bari e Brindisi fa registrare un incremento rispetto al dato del 2011: il totale complessivo dei due aeroporti, infatti, è stato di 5.860.500 passeggeri, l’1,65% in più rispetto ai 5.764.842 passeggeri dell’anno precedente.

In particolare nel 2012 il Karol Wojtyla di Bari ha registrato, tra arrivi e partenze,  3.765.181 passeggeri (905.941 di linea internazionale e 2.730.844 di linea nazionale), con un incremento dell’1,4% rispetto ai 3.712.865 passeggeri del 2011. Leggermente più alta (+ 2,1%) la crescita del traffico sull’aeroporto del Salento di Brindisi, passato dai 2.051.977 passeggeri del 2011 ai 2.095.319 dell’anno appena concluso: di questi 1.756.477 sono stati i passeggeri di linea nazionale (+2,5%) e 318.622 quelli di linea internazionale, +2,9%  rispetto ai 309.590 del 2011.

L’analisi del risultato 2012 non può non tenere conto innanzitutto del contesto di contrazione dei consumi che sta interessando il nostro Paese – e più in generale l’Europa –  al quale, evidentemente, non può sottrarsi il mercato del trasporto aereo.

Tuttavia da un esame più approfondito dei dati disponibili, emergono ulteriori elementi di valutazione che meglio inquadrano il dato del sistema aeroportuale pugliese in un contesto di generale flessione del traffico che ha interessato gran parte degli aeroporti europei.

38. domenico di paola

Per Domenico Di Paola, Amministratore Unico di Aeroporti di Puglia, “un primo aspetto che emerge è la stretta correlazione tra una sistematica riduzione dell’offerta – passaggio che ha interessato indistintamente tutti i vettori che attualmente operano sugli scali pugliesi – e la flessione del traffico passeggeri. Ciò, ad esempio, trova una sua concreta verifica nel drastico ridimensionamento della capacità di Rynanair sulla destinazione Spagna decisa dal vettore a causa dell’aumento delle tasse aeroportuali adottato dal Governo iberico.

Una situazione analoga a quella registrata sul fronte dei collegamenti nazionali: la ridotta offerta di collegamenti low cost – Ryanair su Roma Ciampino e Verona – e di voli operati da Alitalia/Air One su Bologna, Torino e Venezia  ha fortemente inciso sul dato finale registrato a Bari e Brindisi. A tal proposito appare del tutto evidente come l’offerta del vettore su Roma e Milano risulti ormai poco funzionale, se non addirittura inadeguata,  rispetto alla funzione di hub dei due scali.

O'Leary

Un ulteriore importante fattore di valutazione delle cause che hanno condizionato la crescita del traffico passeggeri sugli aeroporti pugliesi, sta nella decisione di Meridiana/Air Italy di azzerare i propri collegamenti su Milano e Verona: una decisione che il vettore ha motivato con la presenza sulle stesse direttrici di altri competitor low cost, ma che i buoni risultati registrati su entrambe le destinazioni sino al momento della soppressione dei collegamenti non sembrano suffragare”.

I risultati di questi anni e la costanza d'impegno nella professionalità del servizio di Adp, nonchè l'incisivo piglio imprenditoriale del suo management, hanno ricevuto qualche giorno fa il plauso del patron di Ryanair, Michael O'Leary. Che ha voluto essere personalmente a Bari, per festeggiare i 9 milioni di passeggeri pugliesi finora trasportati dalla sua compagnia, dichiarando "strategico per Ryanair l'hub pugliese" e conermando investimenti e relativi piani occupazionali locali. Fino a spingersi ad immaginare un futuro in Puglia all'insegna del dinamismo di Ryanair anziché dell'anchilosata signora dei cieli Alitalia.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Tags:
aeroporti di pugliadi paolabilanciopasseggerieuroparyanair
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.