A- A+
PugliaItalia
Angioletto

Al Bano non ci sta. Non vuole attaccare Marisa Melpignano ("siamo amici"), ma si dice amareggiato per "l'attacco" che la fondatrice della mitica masseria San Domenico di Savelletri, un vero paradiso terreste cinque stelle lusso, gli ha rivolto su Affaritaliani.it (clicca qui per vedere il video). Il caso, tutto pugliese, nasce da una dichiarazione di alcuni giorni fa a un settimanale in cui il cantante salentino confessa di essersi "pentito" di aver investito tutti i guadagni della sua carriera nella sua azienda agricola al Sud, nel suo paese d'origine, Cellino. E lamenta scarsi risultati e modesti ritorni in termini di profitto e redditività, con la conseguente necessità di lavorare molto, lui che di mestiere fa il cantante, per trovare l'equilibrio finanziario. Un attacco ingeneroso al Sud, questo pentimento di Al Bano secondo l'imprenditrice. E un errore tattico da parte di un artista che dovrebbe invece spendersi per concorrere a determinare un newsflow positivo nei confronti del già tanto bistrattato meridione.

al bano marisa melpignano

 

Ma Al Bano nega e contrattacca: "Mi ha sinceramente stupito l'uscita di Marisa... Poteva telefonarmi e ci saremmo chiariti. Io non mi rimangio quel che ho detto e che probabilmente è stato estrapolato e frainteso. E cioè che ho investito tutto al Sud, lo rifarei e continuo a farlo. Ma a una domanda specifica del giornalista ho risposto che sarei stato più intelligente se avessi diversificato, investendo una parte in Puglia e una parte fuori. Cosa c'è di male nel dire questo?". Al telefono dall'estero Al Bano è molto fermo: "Ho il diritto di vivere come mi pare e piace e non devo spiegare e giustificare nulla a nessuno. Io non mi sogno certo di intromettermi nelle cose, nelle attività, nelle scelte di Marisa Melpignano. Perché e a che titolo lei si ingerisce nelle mie? Se non è ricerca di visibilità, cos'è? Una sorta di mors tua vita mea? Mi spiace, ma è un intervento fuori luogo". E insiste: "Ho parlato di un mio errore. E i miei errori mi appartengono e me ne sono sempre assunto la responsabilità in tutta la mia vita. L'ho sempre detto che non sono un imprenditore. Marisa ha parlato di bacchettate. Ma scherziamo? Dall'alto dei miei 70 anni non posso permettere a nessuno di bacchettarmi o di dirmi come devo vivere. Lei è anche psicologa e qui la psicologia le ha fatto difetto. Io faccio del bene alla Puglia da sempre, cosa dovrei fare di piu'?". Al Bano, pur arrabbiato, conferma la stima e la considerazione verso il lavoro e le straordinarie realtà costruite da Marisa Melpignano: "Il suo è un grandissimo progetto. Che io ho conosciuto addirittura all'estero, grazie a degli amici inglesi che me ne hanno parlato entusiasticamente. E sono felice di esserci andato. Non faccio guerre a nessuno. Chi mi attacca è fuori posto. Legga bene quel che ho detto. Certo, nessuno è perfetto, ma io non ho chiesto niente a nessuno. E i miei errori me li cucino io". Poi l'orgoglio: "Anch'io ho fatto una cosa fantastica e quando mi ci dedicherò davvero e a tempo pieno (adesso faccio il cantante e giro il mondo) cresceranno anche i risultati economici. Anch'io ho ristrutturato una masseria del '600, quella di famiglia. Con uno stile diverso dal San Domenico. Un atto d'amore integrale per la Puglia. Semmai è Marisa che ha investito a Londra e New York. Ha diversificato il rischio. Ma non è mica un peccato, ha fatto bene", obietta il cantante di Felicità che ai vini di sua produzione ha dato il nome delle sue canzoni. E lancia in conclusione il calumet della pace: "Ora se vuole aiutare e spingere la Puglia potrebbe inserire il mio vino nelle sue strutture alberghiere. Per me sarebbe fantastico. Che ne dici, Marisa? Ci vediamo e davanti a un bicchiere di vino chiudiamo l'incidente?"

Tags:
al bano
i blog di affari
Lions Club Lecce ringrazia azienda di Bergamo
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.