A- A+
PugliaItalia
Alessandro Ambrosi - CCIAA Bari: "L'Alitalia e i baresi, arabi emeriti"

Alessandro Ambrosi, presidente della Camera di Commercio di Bari, dà voce al lamento diffuso sul caro, anzi carissimo, prezzi dei voli Alitalia dal capoluogo pugliese: "La compagnia di bandiera abbassi le tariffe da nababbi dei voli. Non si possono spendere 1.100 euro per andare e tornare da Roma in giornata. Non sempre i viaggi si possono programmare per tempo. Più rispetto per i territori e per i suoi cittadini, impegnati nella ripresa del Paese".

Ambrosi CCIAA2
 

Se non altro perché l'Alitalia gli Emirati Arabi ormai ce li ha in famiglia - da quando Etihad Airways ha fatto ingresso nel capitale - dovrebbe avere un certo riguardo per le tratte, da e per Bari. Perché noi baresi un po' arabi, non Emirati ma emeriti, lo siamo: la città nel IX secolo dell'era cristiana è stata per circa 25 anni un emirato. L'Emirato di Bari, si chiamava proprio cosi e durò dall' 847 all'871.

Alitalia etihad
 

All'Alitalia devono aver pensato che, in quanto arabi emeriti, secoli e secoli dopo abbiamo mantenuto la ricchezza degli emiri di Bari Khalfun, Muffarag-ibn-Sallám e Sawdan. Tale da poterci far spendere 1.100 euro per andare e tornare da Roma in giornata. Tanto avrei dovuto pagare l'altro giorno il biglietto, per raggiungere la Capitale con un volo Alitalia e partecipare ad una riunione di lavoro convocata all'improvviso. Uno sproposito e quindi vi ho rinunziato. Sono andato a  Roma in auto, perché se avessi preso il treno delle 7,14 sarei arrivato troppo tardi.

alitalia etihad logo
 

So che questa mia esternazione di protesta si va a unire a quella di tanti cittadini comuni. Che da anni sono vessati alla stessa maniera. Come anche a quella del governatore Michele Emiliano e degli industriali pugliesi che lo scorso anno, proprio di questi tempi, fecero analoghe e indignate considerazioni. In questo modo si isola un territorio, lo si penalizza fortemente, la Puglia il cui pil pro capite vale metà di quello della Lombardia.

alitalia et etihad
 

Si azzerano gli sforzi di chi fatica per studiare azioni e programmare politiche per  fare sviluppo economico. Senza collegamenti frequenti, efficienti e competitivi non si va da nessuna parte. E poi occorre uscire dalla logica del "programma e risparmi", come se da qui si dovesse partire solo per andare in vacanza.

Se siamo arrivati a 1.100 euro per un volo A/R Bari-Roma è perché Alitalia agisce in regime di semimonopolio. E quindi ben vengano gli aiuti alle compagnie low cost affinché intensifichino tratte e collegamenti che consentano spostamenti di merci e persone per dare occasioni di sviluppo ai nostri territori. Territori condannati, altrimenti, a diventare periferie dell'Impero dei frigoriferi obsolescenti. Chi esibisce la bandiera sul marchio, fregiandosi ancora del titolo di Compagnia di Bandiera, ha il dovere di farci sentire tutti, allo stesso modo, italiani. Anche nelle tariffe.

Alessandro Ambrosi, presidente Camera di Commercio di Bari

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cciaa alessandro ambrosi alitalia emirati bigliettovolo ambrosi emirati alitaliani bari roma baresi
i blog di affari
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.