A- A+
PugliaItalia
ANIEM, Impresa e Legalità Rating occasione di sviluppo

Un forum per affrontare il Rating come strumento in grado di generare sviluppo e competitività, facilitando l’accesso ai finanziamenti, il dialogo con le pubbliche amministrazioni, semplificando farraginosi iter burocratici e, non da ultimo, innescando il processo di efficientamento, particolarmente utile alle aziende che decidano di internazionalizzare.

Aniem Invito
 

Non solo per hotel, ristoranti e chef. Le stelle sono tante e in crescita anche per le imprese. Avere un’azienda “stellata”, oggi, grazie al Rating di Legalità, entrato in vigore nel 2013, assicura notevoli vantaggi ed è senza dubbio un’imperdibile occasione di crescita, specie per le piccole e medie imprese che costituiscono il 90% del tessuto produttivo pugliese. Prova ne è il fatto che sempre più aziende fanno domanda per ottenere la certificazione.

Di Rating di Legalità e di come questo istituto si intrecci al più recente Rating di Impresa, che valuta la reputazione delle aziende sul fronte dell’affidabilità, di quanto “convenga” essere imprese “stellate” e con una good reputation , si occuperà il forum organizzato da Aniem Puglia, il 7 ottobre 2016 (Villa Romanazzi ore 10), dal titolo: IMPRESA E LEGALITA’, IL RATING OCCASIONE DI SVILUPPO al quale, dopo il saluto del sottosegretario al Lavoro, Massimo Cassano, e del Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, prenderanno parte Dino Piacentini, Presidente Nazionale Aniem, Michele Corradino, consigliere di Stato e componente ANAC, Giuseppe Minervino, Vice Direttore Generale di Ubi Banca Carime, Luigi Giuseppe Decollanz, avvocato del Foro di Roma ed esperto in diritto societario, Raffaele Giampetruzzi, Presidente Aniem Puglia.

Aniem Rating
 

Solo nel primo semestre di quest’anno si registra un incremento di richieste di certificazione del 45% rispetto allo stesso periodo del 2015 (1054 domande in più rispetto alle 726 dello scorso anno). In crescita anche i dinieghi con un +4,4%. Un dato questo molto indicativo del rigore che l’ANAC mette nella valutazione dei requisiti.

ANIEM giampetruzzi
 

Non c’è possibilità di vedersi attribuita la certificazione se non si hanno almeno i requisiti minimi (fatturato minimo 2 milioni di euro, iscrizione al registro delle imprese da almeno due anni) per ottenere una stella.  La premialità è crescente se cresce anche la trasparenza (tracciabilità dei pagamenti, adesione ai codici etici di autoregolamentazione, modello organizzativo ai sensi della legge 231) fino ad ottenere le tanto sospirate 3 stelle.

Decollanz toga
 

Ad oggi sono 262 le aziende pugliesi con rating “attribuito”, di cui 122 solo tra Bari e provincia, molte con valutazione in corso. Solo tra maggio e settembre 2016 hanno ottenuto il Rating 71 imprese pugliesi. 

ANIEM PUGLIA
 

Nella prospettiva auspicata di un rating unico, che semplifichi ulteriormente le procedure per le aziende, è importante oggi che le imprese riconoscano nel percorso virtuoso: un processo che possa esporle al successo, riducendo i rischi e rendendole “visibili” sui mercati internazionali.  Un processo che fa del binomio: "Impresa e Legalità" l’affermazione univoca che "Impresa è Legalità".

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
aniem puglia rating impresa legalitàaniem bari convegno rating raffele giampietruzzianiem rating dino piacentini luigi decollanz
i blog di affari
Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
L'OPINIONE di Diego Fusaro
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.