A- A+
PugliaItalia

Lettera aperta ai signori:

-          Presidente della Repubblica                

-          Presidente del Senato                            

-          Presidente della Camera dei Deputati       

-          Presidente del Consiglio dei Ministri     

 

In tempo di “Agenda Monti “ e/o di altri programmi e proclami del genere, se è permesso, anch’io avrei qualcosa da proporre, o quanto meno da auspicare, per il 2013 e per sempre.

L’immediata eliminazione o cancellazione o soppressione, da qualsivoglia uso, sia nel lessico che nella scrittura, dell’appellativo “onorevole”.

Rivolgendosi o facendo riferimento ai membri del Parlamento, si dica semplicemente Deputato A o Senatore B, o il Deputato A o il Senatore B.

Analogamente avvenga per il titolo onorifico “eccellenza”, ancora utilizzato per i Prefetti in sede e il Capo della Polizia e riservato per tradizione anche al Primo Presidente e al Procuratore Generale della Corte di Cassazione e al Presidente e al Procuratore Generale delle Corti d’Appello.

Una volta tanto, penso che nessuno abbia da eccepire in merito.

Tags:
onorevoleeccellenzatitolimonti
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.